Giovedì, 28 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Apro o chiudo? Il dilemma natalizio di un ristorante a metà tra due comuni
FALLE NEL DPCM

Apro o chiudo? Il dilemma natalizio di un ristorante a metà tra due comuni

Un locale nel Bresciano è in dubbio se aprire a Natale. Motivo? Il ristorante-pizzeria, generalmente molto frequentato, si trova ubicato tra due comuni. Il nuovo Dpcm vieta lo spostamento il 25, 26 ed 1 tra comuni
brescia, comune, coronavirus, natale, ristorante, spostamenti, Sicilia, Cronaca
AppleMark

Il ristorante pizzeria Al Torenno è in una posizione strana, lungo una strada provinciale al confine fra comuni diversi in provincia di Brescia. Una posizione ideale perché facile da raggiungere dai clienti. O almeno così lo era fino all’ultimo decreto sulle misure anticovid che ha imposto il divieto di spostarsi da un comune all’altro per Natale, Santo Stefano e Capodanno, e che di fatto lo ha imprigionato in un fazzoletto di terra non raggiungibile da nessuno. Il ristorante è in una frazione di Mura, paese di circa 750 abitanti che fa parte della Comunità Montana della Val Sabbia. Una frazione che si raggiunge solo dalla provinciale che però attraversa i comuni di Casto e Vestone. Risultato: non ci potranno andare né i residenti di Mura né quelli dei comuni vicini.

"Chiudiamo, ma chi mi ripaga degli investimenti per metterci in regola?"

«Tanto vale stare chiusi - dicono i titolari - anche se in teoria dovrebbero essere i giorni in cui si può prevedere un pò di afflusso». Il ristorante è grande. In epoca pre-covid aveva 180 posti e per garantire il distanziamento li ha ridotti di oltre la metà. Ma questo al momento non basta. «Avrebbero dovuto pensare a una deroga ai piccoli Comuni - ha commentato Bruna Marchioni del Torenno - A marzo abbiamo speso soldi per adeguarci alle regole, abbiamo ridotto i posti, studiato percorsi e ci siamo attivati. E ora? A voler essere fiscali nessuno potrà raggiungerci per le feste. Non mi resta che tener chiuso ma chi mi ripaga degli investimenti fatti sinora?».

Chiesta una modifica al Dpcm

Una situazione limite ma che riguarda, in misura minore, tanti locali nei comuni più piccoli. E nel Bresciano molti sono i piccoli comuni: 134 su 205 hanno meno di 5 mila abitanti e di questi 90 meno di 3mila. Anche per questo una ventina di sindaci leghisti della provincia hanno scritto una lettera al premier Giuseppe Conte e al ministro della Salute Roberto Speranza chiedendo una modifica al Dpcm per «consentire gli spostamenti durante le feste natalizie ad una distanza ragionevole, tale da non creare differenze significative tra chi abita nei piccoli comuni e coloro che invece risiedono in città di medie e grandi dimensioni». (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook