Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crollano i dati sull'influenza stagionale grazie a mascherine e distanziamento
SALUTE

Crollano i dati sull'influenza stagionale grazie a mascherine e distanziamento

Secondo il rapporto settimanale InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità, riferito al periodo 30 novembre-6 dicembre, l’incidenza delle sindromi influenzali è “stabile e sotto la soglia basale”

La combo mascherine-distanziamento, unita all'igiene delle mani, sta abbattendo l’incidenza della classica influenza stagionale con la diffusione del virus che, al momento, è praticamente inesistente nel nostro Paese. Il ceppo virale influenzale di quest’anno è stato identificato in Italia per la prima volta il 29 settembre e secondo il rapporto settimanale InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità, riferito al periodo 30 novembre-6 dicembre, l’incidenza delle sindromi influenzali è “stabile e sotto la soglia basale”, pari a 1,9 casi per mille assistiti. Lo scorso anno, nella stessa 49esima settimana, la curva si stava già arrampicando oltre la soglia basale, con un’incidenza di 3 casi per mille abitanti. Da 174mila casi, quest’anno si passa invece 115mila.

La rete di sorveglianza virologica dell’Iss ha raccolto nell’ultima settimana 148 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori afferenti alla rete InfluNet e  nessuno è risultato positivo al virus influenzale. “Negli ultimi 3 o 4 anni - spiega all’AGI il virologo Fabrizio Pregliasco - l’epidemia è andata verso il picco dopo il periodo natalizio, sarà allora che potremo iniziare a tirare le somme e capire se la stagione influenzale sarà davvero così ridotta rispetto alla media. Ma la partenza sembra suggerire questo. Noi speriamo che le misure di contenimento per il Covid, mascherine, distanziamento, lavaggio delle mani, abbattano anche la circolazione dei virus influenzali, come peraltro è stato già osservato in Italia questa estate. Sappiamo come sia problematico distinguere i sintomi Covid, almeno quelli iniziali, da quelli influenzali. Se avessimo una stagione influenzale mite sarebbe un grande vantaggio per combattere il coronavirus nei prossimi mesi invernali”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook