Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Due sacerdoti lasciano l'abito talare: per amore? Terzo caso in Umbria nell’ultimo mese
CITTA' DI CASTELLO

Due sacerdoti lasciano l'abito talare: per amore? Terzo caso in Umbria nell’ultimo mese

Due sacerdoti della diocesi di Città di Castello hanno chiesto e ottenuto dal Santo Padre la dispensa dagli obblighi derivanti dalla Sacra Ordinazione. Diventano così tre, in circa un mese, i casi di abbandono dell’abito talare in Umbria, dopo quello che aveva visto protagonista, nelle settimane scorse, don Riccardo Ceccobelli, l’ormai ex parroco di Massa Martana che ha lasciato il sacerdozio per amore verso una giovane del posto.

A dare notizia del nuovo doppio addio è il vescovo di Città di Castello, mons. Domenico Cancian. Spiegando che la decisione di Tacchini risale «quasi a un anno fa». Non è chiaro se le scelte siano anche in questi due ultimi casi legati a motivazioni affettive. «Il presbiterio e tutta la comunità diocesana accolgono con sofferenza e, allo stesso tempo, con rispetto la libera decisione di David e Samuele. Grati per il servizio svolto, preghiamo perché possano vivere serenamente la loro appartenenza ecclesiale, radicata nel Battesimo», ha sottolineato il vescovo in una nota. Il presule ha comunicato che «a partire da sabato 15 maggio la guida pastorale della parrocchia di San Pio X in Città di Castello è affidata a padre Giuseppe Renda Ofm, guardiano del convento di San Giovanni Battista agli Zoccolanti, nominato amministratore parrocchiale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook