Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca San Giovanni Rotondo, inaugurati due nuovi reparti all'ospedale "San Pio"
SANITA'

San Giovanni Rotondo, inaugurati due nuovi reparti all'ospedale "San Pio"

Il Segretario di Stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ha visitato l’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, l’Opera di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo dove ha inaugurato i nuovi reparti di Pronto Soccorso, Centro Trapianti di Cellule Staminali Emopoietiche e Geriatria Sub Intensiva. Il Cardinale è stato accolto dal presidente padre Franco Moscone, dal direttore generale Michele Giuliani e dai membri del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza. Alle inaugurazioni ha partecipato anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Il nuovo Pronto soccorso si estende adesso su una superficie totale di 630 mq e comprende un’area azzurro/arancione (codice 2-3) per pazienti meno gravi, con relativo triage, una sala di attesa, tre ambulatori visita e un’area dedicata all’Osservazione Breve Intensiva (O.B.I.) con 9 posti letto. Il nuovo Centro Trapianti di Cellule Staminali Emopoietiche è una struttura tecnologicamente all’avanguardia, che dispone di 7 camere protette tutte a pressione positiva, con la possibilità di invertire la pressione in caso di necessità, per complessivi 10 posti letto. È un centro pensato e studiato secondo gli standard più innovativi affinché i pazienti, che già devono affrontare una malattia importante, con tempi di ricovero molto lunghi, possano avere un comfort eccellente. Il cardinale Parolin ha inaugurato i nuovi ambienti che ospiteranno la Geriatria Sub Intensiva. Gli anziani che giungono in ospedale in condizioni di emergenza-urgenza il più delle volte sono in condizioni critiche e necessitano di un trattamento intensivo. Da alcuni anni l’Unità di Geriatria dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza ha riservato al proprio interno alcuni posti letto per la terapia sub-intensiva, dove vengono trattati circa 150 casi/anno che presentano elevata criticità ed un elevato livello di fragilità. In Sub-Intensiva è possibile effettuare il monitoraggio dei parametri vitali e l’erogazione della ventilazione meccanica a cui si associa la metodologia geriatrica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook