Domenica, 29 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Video hard virali, l'arbitro Diana Di Meo vittima di revenge porn: "Denuncio a testa alta" VIDEO
LA STORIA

Video hard virali, l'arbitro Diana Di Meo vittima di revenge porn: "Denuncio a testa alta" VIDEO

Ricattata per alcuni video hard privati che sarebbero finiti nelle mani sbagliate

Ricattata per alcuni video hard privati che sarebbero finiti nelle mani sbagliate. Brutta vicissitudine per la la 22enne Diana Di Meo, arbitro di calcio della sezione di Pescara, che ha deciso di denunciare tutto sui social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Diana Di Meo (@dianadimeo_)

"Il revenge porn, definito anche come «pornografia non consensuale» ed anche abuso sessuale tramite immagini, è l’atto di condivisione di immagini o video intimi di una persona senza il suo consenso. Io sono qui a parlarne, molti di noi non riescono a farlo e si nascondono. Spero di dare voce a tutte quelle vittime che vengono colpevolizzate, quando in realtà il colpevole è dall’altra parte dello schermo, che riprende o ‘si limita’ a condividere. Oggi la vittima sono io, domani potrebbe essere una persona vicina a chi magari adesso sta guardando i video e sorride. Non è mai colpa della vittima, ricordatevelo. Sempre a testa alta ragazzi, sempre".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook