Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Super Green pass, ecco come ottenere la Certificazione verde - GUIDA
CORONAVIRUS

Super Green pass, ecco come ottenere la Certificazione verde - GUIDA

Super green pass, ecco come ottere la certificazione verde.
Chi è vaccinato o è guarito dal Covid negli ultimi 6 mesi resterà libero di andare al ristorante, al cinema, allo stadio. Non sarà necessario scaricare nuovamente il Green pass rafforzato: il Qr code resterà infatti lo stesso, anche se durerà non più 12 ma 9 mesi, e verrà aggiornata la App 'Verifica C19' per i controlli. Da lunedì si ridurranno, invece, gli spazi per gli oltre 6 milioni di italiani non vaccinati: scatta la nuova stretta e anche per prendere i mezzi pubblici sarà necessario avere almeno il Green pass «base», che si ottiene con il solo tampone. Con il test negativo si potrà continuare ad andare a lavoro, in palestra, pernottare in albergo e poco altro. Non ci si potrà sedere al tavolo al bar, andare al ristorante al chiuso o a teatro. Il mancato rispetto delle regole comporta una multa da 400 a mille euro. Di seguito le principali novità.

COME CAMBIA IL GREEN PASS

L’obbligo di Green pass fino al 15 gennaio 2022 viene esteso a ulteriori settori: alberghi; spogliatoi per l’attività sportiva; servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale; servizi di trasporto pubblico locale. E dal 6 dicembre arriva il Green pass rafforzato: vale solo per coloro che sono o vaccinati o guariti e serve per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla ma deve essere utilizzato a partire dalla zona bianca per spettacoli, eventi sportivi, ristorazione al chiuso, feste e discoteche, eventi pubblici. Per matrimoni, battesimi e comunioni basta il pass base mentre per feste di compleanno e di laurea servirà quello rafforzato. In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green pass rafforzato. Tranne che all’aperto: per pranzare fuori al ristorante anche in zona arancione non servirà alcun pass.

CONTROLLI RAFFORZATI

E’ previsto anche il rafforzamento del sistema dei controlli, con dispositivo messo a punto a livello locale dai prefetti, sentiti i Comitato provinciale ordine e sicurezza. Una circolare del Viminale ha tracciato la cornice. I controlli sui mezzi pubblici devono essere attuati in modo tale da garantire la fluidità del servizio e da «scongiurare" possibili «assembramenti ed eventuali ricadute di ordine pubblico» e andranno potenziati anche nelle zone della movida. In generale, la polizia municipale e la Guardia di Finanza svolgeranno le verifiche nei ristoranti e negli esercizi pubblici mentre quelle su autobus e metropolitane sono affidate in modo prioritario a polizia e carabinieri, supportati dai vigili urbani e dal personale delle aziende di trasporto, e saranno a campione e nelle maggior parte dei casi verranno effettuate alle stazioni e alle fermate.

MASCHERINE

In zona bianca la mascherina non è obbligatoria all’aperto, anche se diversi sindaci sono intervenuti con proprie ordinanze, prevedendole in tutto il centro storico o nelle zone dello shopping. La mascherina va indossata, sempre, in tutti i luoghi chiusi diversi dalla propria abitazione, compresi i mezzi di trasporto pubblico (aerei, treni, autobus) e in tutte le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o siano possibili assembramenti. E' invece obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa.

TAMPONI E CERTIFICATO

Ai fini del Green pass sono confermate sia le tipologie che la durata dei test. Il Certificato resta valido in caso di un tampone molecolare negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti o rapido nelle 48 ore precedenti.

Il decreto legge che rafforza le misure anti-Covid

Il Consiglio dei Ministri del 24 novembre ha dato il via libera al decreto legge che rafforza le misure anti-Covid. Solo le persone vaccinate o guarite potranno ottenere il "super green pass", che sarà valido in tutto il Paese, anche in zona bianca, dal 6 dicembre. L’accesso a eventi sportivi, spettacoli, bar e ristoranti al chiuso, ma anche a feste e discoteche sarà consentito solo ai possessori della super certificazione. Esteso l’obbligo di vaccino al personale scolastico e alle forze dell'ordine. Terza dose disponibile per tutti i maggiorenni dal 1° dicembre.

Obbligo vaccinale

Il provvedimento prevede l’estensione dell’obbligo vaccinale alla terza dose ai soggetti per i quali la legge già prevedeva l’obbligo di vaccinazione. L’estensione ha validità a decorrere dal 15 dicembre prossimo ed esclude la possibilità di essere adibiti a mansioni diverse.
Inoltre, si stabilisce l’estensione dell’obbligo vaccinale a ulteriori categorie, sempre a decorrere dal 15 dicembre:
  • * personale amministrativo della sanità
  • * docenti e personale amministrativo della scuola
  • * militari
  • * forze di polizia, compresa la polizia penitenziaria, personale del soccorso pubblico.

Green Pass

Sul fronte della Certificazione verde, il testo prevede che la durata di validità del Green Pass sia ridotta dagli attuali 12 a 9 mesi. L’obbligo di Green Pass viene esteso a ulteriori settori: alberghi; spogliatoi per l’attività sportiva; servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale; servizi di trasporto pubblico locale.

A decorrere dal 6 dicembre 2021, inoltre, il Green Pass si sdoppia: viene introdotto il Green Pass rafforzato (super green pass), rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite, e il Green Pass “base”, rilasciato a chi si sottopone a un tampone molecolare (valido per 72 ore) o antigenico (valido per 48 ore). Il Green Pass rafforzato, a partire dal 6 dicembre 2021 fino al 15 gennaio 2022, vale già in zona bianca ed è necessario per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla e arancione. Le attività sono le seguenti:

  • * Spettacoli
  • * Spettatori di eventi sportivi
  • * Ristorazione al chiuso
  • * Feste e discoteche
  • * Cerimonie pubbliche

In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green Pass rafforzato.

Altre misure

Le prefetture dovranno prevedere un piano provinciale per l’effettuazione di costanti controlli entro 5 giorni dall’entrata in vigore del testo e sono obbligate a redigere una relazione settimanale da inviare al Ministero dell’interno. Sarà potenziata la campagna di comunicazione in favore della vaccinazione. Il Governo ha assunto e ha intenzione di assumere in via amministrativa altre decisioni:
  • * è già consentita la terza dose dopo 5 mesi dalla seconda;
  • * aprirà da subito la terza dose per gli under 40;
  • * se autorizzate, potranno essere avviate campagne vaccinali per la fascia di età 5-12 anni.

 

Come ottenere il Super Green Pass

Il Super Green Pass si ottiene nello stesso modo previsto per la Certificazione verde COVID-19, ma viene rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite.  Ottenere la Certificazione verde COVID-19 è semplice. Sono stati previsti più canali, con o senza identità digitale, in piena autonomia o con un aiuto.

La Certificazione verde COVID-19, in Europa “EU Digital COVID Certificate”, è rilasciata in Italia dal Ministero della Salute in formato digitale e stampabile.

 

Ho fatto la terza dose di vaccino, riceverò una Certificazione verde COVID-19?

Sì, viene emessa una nuova Certificazione verde COVID-19 e riceverai via SMS o email un messaggio con un nuovo codice AUTHCODE. Se non dovessi riceverlo entro 48 ore dalla vaccinazione puoi provare a recuperarlo autonomamente su questo sito.

Le nuove Certificazioni per “terza dose” (anche dette dose “booster” o “richiamo”) e “seconda dose” nel caso di vaccino Janssen (Johnson & Johnson) o vaccino dopo guarigione vengono emesse entro 48 ore dalla vaccinazione e hanno validità per 12 mesi dalla data della somministrazione.

Dal 12 novembre 2021, i nuovi green pass vaccinali di richiamo vengono emessi indicando nel "numero di dosi effettuate / numero totale dosi previste per ciclo vaccinale completo":

  • * 2 di 2 nel caso di richiamo dopo un vaccino monodose (Janssen);
  • * 2 di 2 nel caso di richiamo dopo dose unica a seguito di guarigione da Covid-19;
  • * 3 di 3 nel caso di richiamo dopo il completamento del primo ciclo vaccinale con due dosi o nel caso di richiamo per le persone vaccinate all’estero con un vaccino non autorizzato da EMA.

Nel nostro Paese, il via alla vaccinazione con dose aggiuntiva è stato dato il 20 settembre 2021, quello per la dose booster (richiamo) il 27 settembre. La Piattaforma nazionale DGC ha cominciato a rilasciare le nuove Certificazioni di dose aggiuntiva dai primi di ottobre 2021.

Quanto dura il Super Green Pass?

Ha una validità di nove mesi a partire dall’ultima somministrazione di vaccino o dalla prima positività al coronavirus. Il Green Pass base invece ha validità 72 ore se rilasciato con tampone molecolare negativo, 48 ore nel caso di tampone antigenico negativo.

Il Super Green Pass vale anche in zona bianca?

Sì, è fondamentale per accedere a bar e ristoranti al chiuso, discoteche (in zona bianca con capienza del 75% all’aperto e al 50% al chiuso), cinema, teatri, matrimoni, cerimonie pubbliche, concerti, stadi (con capienza al 75% per quelli all'aperto e al 60% per quelli al chiuso). In zona gialla e arancione è necessario per evitare le restrizioni previste per le regioni o i Comuni che finiscono in quelle fasce. In zona rossa invece le limitazioni varranno per tutti.

In zona bianca, in un ristorante al chiuso serve il Green Pass rafforzato?

Sì, è necessario dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022. Per i tavoli all’aperto non serve il Green Pass.

Ora che il Green Pass dura 9 mesi e non 12, si deve riscaricare?

No, la durata del Green Pass si aggiorna da sola, in automatico, dunque non sarà necessario riscaricarlo ora. Questione diversa è quando si effettua la seconda dose o il richiamo con la terza dose: in quel caso va riscaricato tramite la app Io, la app Immuni, il sito della Certificazione verde o attraverso medici, infermieri, farmacisti.

Per i Super Green Pass servirà una nuova app per distinguere tra vaccinati e "tamponati"?

No, la app VerificaC19 resterà la stessa, non sarà necessario dotarsi di nuove applicazioni o piattaforme. Ma sarà modificato l’algoritmo della app stessa che valida il Green Pass. Dunque sarà presumibilmente necessario aggiornarla.

Se non si fa la terza dose subito, dopo 5 mesi dalla seconda, il Super Green Pass scade?

No. Il Green Pass dura 9 mesi dalla seconda dose. Al termine dei 9 mesi scade se non ci si sottopone alla terza dose. Da quella in poi vale altri 9 mesi.

I bambini tra 5 e 11 anni che potranno vaccinarsi a breve dovranno avere il Green Pass?

No, non è previsto ancora.

Per andare al lavoro serve il Super Green Pass?

No, per accedere al posto di lavoro sia nel pubblico che nel privato basta anche il Green Pass base ottenuto sottoponendosi a un tampone antigenico (valido 48 ore) o molecolare (valido 72 ore) con esito negativo. Chi non lo ha viene considerato assente ingiustificato: ha diritto alla conservazione del contratto di lavoro ma non allo stipendio né ad altri contributi. Il lavoratore scoperto senza il Green Pass all’interno dei locali di lavoro rischia la sospensione o una sanzione amministrativa dai 600 ai 1.500 euro. Chi non controlla rischia una multa da 400 a 1.000 euro.

Per mangiare nella mensa dell'azienda o dell'ufficio in cui si lavora serve il Super Green Pass?

Sì. Non si potrà mangiare all'interno con il solo tampone negativo ma sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid.

Per salire sugli autobus o sui convogli della metropolitana cosa serve?

Basta il Green Pass base ovvero quello ottenuto con esito negativo del tampone antigenico o molecolare. Chi è vaccinato o guarito potrà esibire il suo Super Green Pass senza bisogno di ulteriori test.

E per i treni regionali?

Vale la stessa norma del trasporto pubblico locale: basta anche il Green Pass base.

Su Intercity e treni ad Alta velocità, sui traghetti e sugli aerei per cui il Green Pass era già obbligatorio, servirà ora il Super Pass?

No. Per viaggiare anche sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza sarà sufficiente esibire il Green Pass di base quindi avere un tampone molecolare con esito negativo (valido 72 ore) oppure antigenico con esito negativo (valido 48 ore). Chi è vaccinato o guarito esibirà il suo Pass rafforzato, senza bisogno di ultetiori test.

Chi è esentato dalla vaccinazione per ragioni mediche certificate, deve fare il tampone per salire su bus e metro?

No, fonti del ministero della Salute confermano che chi non può vaccinarsi per ragioni mediche è esentato dall'obbligo di Green Pass e dunque anche di tampone per accedere a trasporti, attività, lavoro, luoghi della cultura. È necessario però portare sempre con sé il certificato medico che attesta l'esenzione. La nuova circolare del ministero della Salute stabilisce che "la validità e la possibilità di rilascio delle certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-SarsCoV2, per gli usi previsti dalla normativa vigente, è prorogata sino al 31 dicembre 2021". La circolare, firmata dal direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, precisa che "non sarà necessario un nuovo rilascio delle certificazioni già emesse".

Metropolitane e autobus: bisognerà passare il Green Pass sui tornelli o mostrarlo al conducente?

No, i controlli si faranno a campione. Nella pratica, su bus, tram, metropolitana e treni regionali i controlli dovrebbero essere eseguiti a campione e non singolarmente per tutti coloro che salgono sui mezzi del trasporto pubblico locale, come avviene invece, per esempio, sugli aerei, sui treni e sulle navi

Il Super Green Pass è necessario per allenarsi in palestra o nuotare in piscina?

No. Per entrare in palestra, piscina o altri luoghi dove si pratica attività sportiva basta il Green Pass base, quindi anche quello ottenuto con tampone negativo. Lo stesso vale per entrare negli spogliatoi. Esclusi dall'obbligo di certificazione gli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità.

Si può andare a sciare con il solo tampone negativo?

Sì, in zona bianca o gialla. In zona arancione servirà il Green Pass rafforzato. In zona rossa gli impianti sciistici di risalita saranno chiusi per tutti.

Per alloggiare in hotel bisogna essere vaccinati contro il Covid?

No, in zona bianca la prenotazione in una camera di hotel si può effettuare anche esibendo il Green Pass base quindi avere un tampone molecolare o antigenico con esito negativo.

Chi viaggia con i bambini alloggiando in un hotel deve sottoporli a tampone se non sono vaccinati?

Solo se hanno da 12 anni in su. Sotto i 12 anni sono invece esentati.

E per entrare al supermercato, in farmacia o in un ufficio pubblico?

No, in questo caso le regole sono le stesse di prima. Niente Green Pass, nemmeno di base, per fare la spesa, comprare medicinali, farsi fare la barba, tagliarsi i capelli dal parrucchiere o fare shopping nei negozi. Resta obbligatoria la mascherina visto che ci si trova al chiuso o all'aperto (ad esempio in un mercato rionale) ma in cui sono probabili assembramenti.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook