Venerdì, 27 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Regioni a Governo: "Basta caos-Covid, stop a colori e sorveglianza solo per sintomatici"
CORONAVIRUS

Regioni a Governo: "Basta caos-Covid, stop a colori e sorveglianza solo per sintomatici"

Lo stato di emergenza scade il 31 marzo, ma già adesso i dati indicano che la pandemia è in fase di ripiegamento. Non così la burocrazia ed i protocolli da seguire, sempre complessi e tortuosi. E’ tempo dunque di semplificare e normalizzare. Basta con le fasce a colori, i malati per altre patologie conteggiati tra i ricoverati Covid, gli asintomatici sottoposti a sorveglianza sanitaria, gli studenti vaccinati in dad.

Questa - al termine di un vertice in mattinata tra i governatori - la posizione unanime delle Regioni, che sarà messa nero su bianco in un documento da sottoporre all’attenzione del Governo. Premier e ministri sono alle prese con le elezioni del capo dello Stato, ma c'è la volontà politica di rivedere le misure restrittive. Mercoledì 2 febbraio ci sarà un confronto in sede di Stato-Regioni. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha chiarito l’obiettivo: «guardare al futuro e procedere rapidamente verso una normalizzazione della situazione che consenta una ripresa più ordinata e il rilancio del nostro Paese».

C'è subito però un intervento del Governo. «Non serve mettere fine al sistema dei colori» come chiedono le Regioni, «i contagi stanno calando». Lo dice all’Agi il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. «L'ondata dura 40-60 giorni», osserva. La proroga allo stato di emergenza che scade il 31 marzo? «Non ci sarà», afferma Sileri.

Basta sistema a colori e sorveglianza solo per i sintomatici

Due, in particolare, i punti sottolineati: «superare definitivamente il sistema a colori delle zone di rischio assieme all’esigenza che la sorveglianza sanitaria sia riservata ai soggetti sintomatici». Faranno parte del documento da inviare al Governo «che sarà una piattaforma imprescindibile per il futuro confronto fra l’Esecutivo e le Regioni». Attualmente ci sono cinque regioni in arancione (Valle d’Aosta, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia), tre in bianco (Basilicata, Molise e Umbria) e le altre in giallo. Ma si tratta di distinzioni che hanno scarsi o nulli effetti pratici per i vaccinati che ormai costituiscono l’80% della popolazione. Questo sistema, ha spiegato il governatore ligure Giovanni Toti, «così come il conteggio dei malati Covid che inserisce anche coloro che sono positivi ma ricoverati per altre patologie, nonché i tracciamenti delle catene epidemiologiche, sono tutte cose che appartengono al passato e non sono più coerenti con l’andamento dell’epidemia oggi e, pertanto, vanno modificati in fretta».

Il possibile punto di caduta è lasciare soltanto la zona rossa, dove gli indicatori segnalano una situazione da tenere sotto controllo con misure severe. Una delle principali esigenze nel nuovo scenario auspicato dai governatori è quella di non "perseguitare" con tamponi e quarantene gli asintomatici che hanno fatto il ciclo vaccinale completo: a scuola, come altrove, chi non ha problemi di salute va lasciato libero di svolgere le attività senza restrizioni. Mentre il tracciamento sarà concentrato solo sui sintomatici. "Il principio generale - ha spiegato il presidente del Veneto, Luca Zaia - è quello della semplificazione dell’approccio prendendo atto della mutata realtà, che ci dice, ad esempio, che il contact tracing è saltato, perché con 20.000 positivi al giorno in una regione ci sono 200mila persone da contattare. E' evidente che il modello attuale non funziona, come si è visto con il caos tamponi che non ha assolutamente risolto il problema».

Quanto agli ospedali (il cui tasso di occupazione è uno dei parametri che ora fanno scattare il cambio di colore), tenere fuori dal conto quelli che sono ricoverati «col» Covid e non "per» il Covid - secondo le Regioni - permette di avere un quadro più realistico dell’impatto del virus sulle strutture sanitarie. Già oggi la Liguria, ad esempio, nel bollettino quotidiano segnala che «i pazienti attualmente ospedalizzati per patologia non Covid-19 correlata ammontano a circa il 30% del totale degli ospedalizzati positivi» al Coronavirus. Dopo la fumata bianca per il Quirinale Governo e Regioni si siederanno nuovamente al tavolo per scrivere nuove regole per le prossime settimane che dopo il plateau dei contagi vedranno - secondo le previsioni degli studiosi - una discesa della curva. Sul tavolo anche la richiesta di una soluzione per il mancato riconoscimento del green pass agli stranieri che vengono da Paesi dove il documento ha una validità di 9 mesi anziché 6 come sarà in Italia dall’1 febbraio. Il Governo, ha detto il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha garantito «un intervento a breve per risolvere la problematica».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook