Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Ex Ilva: ambientalisti, accertare il picco di biossido di zolfo

"Chiediamo che ne vengano accertate le cause", affermano Massimo Castellana e Alessandro Marescotti del Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente

Il sito Ilva a Taranto

"Il 22 marzo scorso si è registrato un picco di SO2 (biossido di zolfo o anidride solforosa) nel quartiere Tamburi di Taranto. Il valore è giunto fino a 910 microgrammi a metro cubo. Il vento in quella giornata soffiava da nord-ovest ed era quindi un tipico giorno in cui si poteva parlare di Wind Day. Chiediamo che ne vengano accertate le cause". Lo sottolineano Massimo Castellana e Alessandro Marescotti del Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto, aggiungendo che "quello registrato è il picco più elevato da quando è entrata in funzione la centralina Arpa di via Machiavelli nel quartiere Tamburi di Taranto, ossia dal 2007 a oggi".

Il riferimento è a un documento che l'agenzia regionale di protezione ambientale ha inviato all'Ispra, al ministero della Transizione ecologica, a Regione Puglia, Prefettura, Comune e Asl di Taranto in cui si segnalano nelle giornate dal 22 al 24 marzo scorsi "significativi incrementi delle concentrazioni degli inquinanti gassosi, in particolare biossido di zolfo e benzene".
L'Arpa Puglia evidenzia anche come l'azienda siderurgica abbia comunicato che, a partire dal 21 marzo, "sarebbero state avviate le attività di ripristino delle condizioni operative dell'altoforno 4 e che nel periodo di transitorio di riavviamento si sarebbero potute verificare emissioni transitorie".

Caricamento commenti

Commenta la notizia