Giovedì, 18 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Marmolada, la valanga ha travolto due cordate di alpinisti. "Una carneficina di corpi smembrati"
ERANO IN SEI

Marmolada, la valanga ha travolto due cordate di alpinisti. "Una carneficina di corpi smembrati"

La valanga sulla Marmolada è «un disastro inimmaginabile, una carneficina tale che solo difficilmente ci permetterà di identificare con esattezza l'identità delle vittime perché i corpi sono stati smembrati" dalla colata di ghiaccio e sassi. E’ quanto apprende l’ANSA dagli inquirenti. Secondo quanto è stato finora ricostruito la valanga ha travolto due cordate da sei alpinisti. Tra le vittime ci sarebbero anche le guide. I soccorritori sperono ora in un abbassamento delle temperature di notte per poter riprendere domani mattina presto le ricerche.

Parla l'esperto: "Mai visti distacchi così"

Ha uno spessore che al centro arriva ancora a 30-40 metri il colosso bianco della Marmolada.
Ma, mano a mano che si va verso i bordi esterni, il ghiaccio si assottiglia sempre più, e diventa come una lente, trasparente.
Un filo attaccato ad un treno in corsa. Distacchi enormi come quello di oggi qui non si erano mai visti. «Ma sono la conseguenza dei cambiamenti climatici, non c'entrano i 10 gradi di oggi. Questo era un fenomeno che si preparava da tempo, dovuto al susseguirsi di estati sempre più calde anche a quote elevate» spiega Anselmo Cagnati, glaciologo e nivologo tra i più esperti in Veneto, per molti anni in servizio al centro anti-valanghe dell’Arpav di Arabba.
"Purtroppo - spiega all’ANSA - crolli di seracchi simili sono fenomeni destinati ad essere più frequenti nei prossimi anni.
Non è il caldo di un giorno o di un mese che da solo li può provocare».
In particolare per quanto è avvenuto a Punta Rocca, osserva Cagnati, dopo aver visto le prime immagini del crollo, il detonatore «è stata l’acqua di fusione, un fiume che è come un diaframma tra lo strato di ghiaccio e la roccia, che scorrendo per settimane sotterraneamente separa queste parti, causando il distacco». Secondo il glaciologo, il pericolo sul ghiacciaio è ancora elevato. «Crolli più piccoli ci saranno anche i nei prossimi giorni, non di queste dimensioni naturalmente». La Marmolada, sottolinea Cagnati, è tutto sommato un ghiacciaio abbastanza piccolo: «proprio per questo è un sistema che risente prima dei cambiamenti climatici in atto, una sentinella che dà l'allarme rispetto a quello che potrebbe succedere in scenari più grandi, sulle Api Occidentali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook