Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'elicottero precipitato tra San Severo ed Apricena: morte 7 persone. Anche due bambini
FOGGIA

L'elicottero precipitato tra San Severo ed Apricena: morte 7 persone. Anche due bambini

Nessun sopravvissuto nella tragedia avvenuta in mattinata nel Foggiano dove un elicottero della società Alidaunia di Foggia è precipitato dopo essere partito dalle Isole Tremiti diretto nel capoluogo dauno. A bordo c'erano sette persone: una famiglia di turisti sloveni, padre, madre con due figli di 13 e 14 anni, un medico del 118 che rientrava a Foggia dopo avere fatto il turno di notte alle Tremiti e i due piloti. Le cause del disastro sono ancora tutte da accertare: sui resti dell’elicottero e sulla scatola nera saranno effettuati accertamenti tecnici e l’agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha disposto l’apertura di un’inchiesta di sicurezza e l’invio di un team investigativo. Anche la procura di Foggia ha aperto una inchiesta per disastro colposo aviatorio.

L’elicottero era partito dall’arcipelago delle Diomedee dopo le 9.00 con condizioni non buone, tanto che su tutta la Capitanata c'era allerta gialla della protezione civile per temporali. Verso le 9.40 il velivolo è sparito dai radar e immediatamente e scattato l’allarme. Da quel momento in poi sono partite le ricerche alle quali hanno preso parte tre elicotteri dei carabinieri, 40 militari tra cui i «Cacciatori di Puglia» e gli uomini della Protezione Civile. Alle 13 poi il ritrovamento della carcassa in località Castel Paganoagro, alle porte di Apricena, in un’area rurale particolarmente impervia nella zona Est del Gargano. Al loro arrivo, i soccorritori hanno trovato sei corpi tra le lamiere del relitto, mentre uno, quello del medico, Maurizio De Girolamo , di 64 anni, era stato sbalzato fuori dell’abitacolo. La famiglia dei turisti sloveni, di Lubiana, era arrivata ieri alle Tremiti e sarebbe dovuta rientrare a Foggia già in serata ma a causa delle condizioni cattive del tempo il viaggio era stato rinviato ad oggi. Erano Bostjan Rigler, di 54 anni direttore tecnico della principale tv commerciale slovena la Pro Plus, sua moglie MatejaCurk Rigler, di 44, e i loro figli Jon di 14 e Liza, di 13 anni. I due piloti sono Luigi Ippolito, di 60 anni, il più esperto della compagnia Alidaunia, e Andrea Nardelli , di 39. «Siamo profondamente colpiti da questa tragedia a cui non sappiamo fornire una spiegazione» , ha commentato Roberto Pucillo amministratore delegato dell’Alidaunia società di elitrasporto che dal 1085 in convenzione con la Regione Puglia garantisce il trasporto pubblico locale quotidiano tra Foggia e le Isole Tremiti. Gli fa eco il sindaco delle Isole Tremiti, Peppino Calabrese, sotto choc dopo aver appreso che tra le 7 vittime c'è anche il medico del 118 in servizio alla postazione dell’arcipelago delle Diomedee. «Il medico aveva appena terminato il turno di lavoro ed aveva deciso di prendere l'elicottero anziché la nave per le condizioni meteo marine avverse - ha detto - La nostra piccola comunità tremitese è sotto choc. Non era mai successa prima una cosa del genere in 30 anni di servizio». Cordoglio per la tragedia è stato espresso da esponenti politici e di governo e locali. Tra questi il ministro Fitto e il viceministro Sisto, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che è rientrato immediatamente in Puglia da Roma, dove stava partecipando al corteo per la pace. Il commissario straordinario dell’Asl di Foggia, Antonio Nigri che descrive così il collega: «Anni di dedizione al camice, in un settore particolarmente di frontiera come quello dell’emergenza urgenza, senza mai lamentarsi». Cordoglio anche dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli, che parla di una ennesima morte sul lavoro.

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, sta rientrando in Puglia da Roma, dove stava partecipando al corteo per la pace, per seguire la vocebda dell’elicottero caduto nel Foggiano. Dal momento della scomparsa dell’elicottero, Emiliano è rimasto in costante contatto con il Prefetto di Foggia, Maurizio Valiante, e con il vice presidente della Regione, Raffaele Piemontese, per seguire le operazioni di ricerca. Appena appresa la notizia del ritrovamento Emiliano ha lasciato il corteo per rientrare in Puglia, a Foggia.

L’Alidaunia opera nel settore della navigazione aerea: servizi di trasporto aereo (passeggeri e/o merci, lavoro aereo come riprese aerofotocinematografiche o televisive, rilevamenti, osservazioni, trasporto carchi sospesi, spargimento sostanze), ditta di manutenzione aeromobili, fornitore di servizi di progettazione modifiche strutturali aeromobili ed infrastrutture aero-eliportuali, handling, antincendio, bunkeraggio, gestione elisuperfici, security, safety ed altro. Ma soprattutto, è l’unica compagnia italiana ad effettuare servizi di linea con elicotteri per trasporto passeggeri, merci e posta, da oltre 26 anni. E’ titolare di servizi di protezione civile, elisoccorso (118) ed eliambulanza per conto di Pubbliche Amministrazioni in varie regioni d’Italia. La base di armamento di Foggia, SS. 673 km 19, dispone di un hangar per la manutenzione e l’hangaraggio degli aeromobili. Dal 1985, con assenso ministeriale e in collaborazione con l’Assessorato ai Trasporti della Regione Puglia, garantisce il collegamento quotidiano tra Foggia e le Isole Tremiti. Ogni lunedì e venerdì si effettua scalo a Vieste, nel periodo estivo anche sabato e domenica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook