Martedì, 07 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Juve, la Figc indaga sui contratti. Ammende e penalizzazioni? Ecco cosa rischia
IL CASO

Juve, la Figc indaga sui contratti. Ammende e penalizzazioni? Ecco cosa rischia

Sicilia, Cronaca
Agnelli e Nedved

Nel futuro della Juventus c'è anche il rischio sanzioni sportive, con uno spettro che va da un’ammenda alle penalizzazioni in classifica o addirittura alla retrocessione qualora la falsificazione dei documenti contabili avesse consentito di ottenere l’iscrizione al campionato.

Al momento rimangono tutte ipotesi, ma è lo scenario che emerge dalla notizia che la Procura della Federcalcio ha aperto oggi un procedimento sulle scritture private tra il club bianconero e i suoi calciatori. L’ufficio guidato da Giuseppe Chinè aveva ricevuto nei giorni scorsi le nuove carte degli atti dei pm torinesi che conducono l’inchiesta sulle plusvalenze e avevano indagato 14 persone, tra cui Agnelli e Nedved: l’intento era valutare se ci sono elementi per riaprire il processo sportivo già chiuso sul tema, ma quello dei contratti dei giocatori, con una parte non messa a bilancio secondo i sospetti dei magistrati, è un filone diverso.

Di qui, la nuova indagine sportiva e le nubi all’orizzonte. Le dimissioni del cda bianconero hanno provocato un terremoto anche sportivo. «Sono un atto di responsabilità, e dunque opportuno», la valutazione del ministro dello Sport, Andrea Abodi. Sono invece un’occasione per la Liga dei club spagnoli, schierata nei mesi scorsi contro la Juve per la vicenda SuperLega. L’associazione presieduta da Tebas ha messo nero su bianco la richiesta di sanzioni sportive: «Servono provvedimenti immediati, è stato violato il regolamento del fair play finanziario» l’entrata a gamba tesa.

Era da circa sedici anni e dalla retrocessione in serie B che non si vedevano nuvoloni del genere sulla Juve, ma Alessandro Del Piero sottolinea le differenze tra i periodi: «Non è come il 2006, l’accusa è alle persone e ai componenti del cda - precisa l'ex capitano - e il fatto che il presidente Agnelli si sia dimesso è un qualcosa di grave, che non capita spesso». Il nome di Del Piero è tra i più gettonati nei desideri dei tifosi, sconcertati in queste ore. «E' presto per dirlo. Ma a Torino ho ancora casa...», dice l’ex di lusso. Intanto, i calciatori non si possono compattare, se non altro per motivi logistici: mezza squadra è in Qatar per il Mondiale, l’altra metà sta trascorrendo il periodo di vacanze concesso dal tecnico Allegri. I cancelli della Continassa riapriranno il prossimo 6 dicembre con la ripresa degli allenamenti, nel frattempo i bianconeri provano a fare quadrato. La posizione dell’allenatore non sembra in discussione nonostante il ribaltone societario che ha provocato le dimissioni di uno dei suoi principali estimatori, l’ormai ex presidente Agnelli. «Rimane il punto di riferimento dell’area sportiva», le parole di Elkann. Per il presente, dunque, tutto resta così. E anche il ds Cherubini è destinato a rimanere al suo posto, pur con alcuni rumors che volevano anche il suo addio: d’altra parte, gli scenari più pessimistici avrebbero inevitabili risvolti anche sui contratti dei giocatori, soprattutto su quelli a breve termine, come Di Maria.

Dal punto di vista dei risultati immediati, l’operato di Allegri torna ad essere un tema di discussione all’interno degli uffici del club, con l’allenatore che alla ripresa del campionato dovrà necessariamente continuare sulla strada intrapresa nelle ultime settimane prima dello stop per il Mondiale, le 6 vittorie consecutive che hanno riportato i bianconeri nelle primissime piazze, anche se ancora molto lontano dal Napoli. Durante il mercato di gennaio non sono previsti grandi acquisti, anzi l’obiettivo sarà recuperare chi è mancato del tutto o quasi nei quattro mesi di stagione: da Pogba, ancora fermo per un problema al ginocchio, a Chiesa, rientrato soltanto a minutaggio ridotto, fino a Di Maria e Paredes, bloccati da troppi fastidi fisici. Questi saranno i veri volti nuovi della Juve per l’inizio di 2023, da qui si prova a ripartire per provare ad isolarsi dalle vicende societarie. Per quanto possibile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook