Martedì, 07 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il mistero delle "stazioni segrete" della polizia cinese, in Italia sono undici. Ecco il loro scopo
INCHIESTA

Il mistero delle "stazioni segrete" della polizia cinese, in Italia sono undici. Ecco il loro scopo

L’Italia ospita il maggior numero delle cosiddette "stazioni di polizia" cinesi non ufficiali costituite all’estero, nell’ambito di una rete di oltre 100 unità emersa in almeno 53 Paesi sparsi nel mondo, allo scopo di sorvegliare i connazionali all’estero. Safeguard Defenders, una ong basata a Madrid, ne ha stimate 11, con la prima allestita a Milano dall’agenzia di pubblica sicurezza di Wenzhou a maggio del 2016.

Due anni più tardi, nel 2018, grazie al rafforzamento dell’accordo definito sui pattugliamenti congiunti nelle città italiane e cinesi al servizio dei propri connazionali in viaggio, la pubblica sicurezza di Qingtian istituì anche un ufficio pilota a Milano, parte - secondo la ong di Madrid - di una strategia finalizzata a monitorare la popolazione cinese all’estero. Nella prima ricerca sul controverso tema presentato a settembre, Safeguard Defenders aveva riferito che esistevano 54 stazioni di questo tipo nel mondo, provocando indagini in almeno 12 Paesi tra cui Canada (che dopo un ciclo di accertamenti ha ordinato la loro chiusura), Germania e Paesi Bassi.

Un centinaio di stazioni  sparse in tutto il mondo

Nell’ultimo aggiornamento, diffuso ieri, figurano altre 48 stazioni, un centinaio quindi in totale, sparse in tutto il mondo, compresi i Paesi europei come Italia, Francia, Olanda, Spagna, Croazia, Serbia e Romania. I centri italiani sono stati individuati a Roma, Milano, Bolzano, Venezia, Firenze, Prato, dove vive la comunità cinese più numerosa, e in Sicilia. Sulle attività di pattugliamento, Safeguard Defenders ha trovato prove di un sistema di videosorveglianza in aree residenziali, «ufficialmente per scoraggiare crimini». Sul punto, tuttavia, indagini locali «su una delle stazioni non avevano portato alla luce alcuna attività illegale».

L’Italia, che ospita 330.000 cittadini del Dragone, secondo i dati Istat del 2021, viene indicata come un terreno fertile per la potenziale influenza di Pechino grazie ai numerosi accordi tra i due Paesi, di cui quello sui pattugliamenti congiunti è tra i più interessati dalla vicenda. Pechino, tuttavia, ha affermato che gli uffici sono soltanto "stazioni di servizio" per assistere i propri connazionali nelle procedure burocratiche, tra cui il rinnovo di passaporto o patente di guida, resisi ancora più utili durante le fasi più critiche della pandemia del Covid-19. L’indagine della ong si è basata su dichiarazioni e dati cinesi pubblici e si è limitata a prendere in considerazione i centri istituiti dalle autorità di pubblica sicurezza locali nei Paesi in cui esiste una numerosa comunità cinese.

Usate da Pechino per «molestare, minacciare, intimidire e costringere le persone a tornare in Cina»

Il gruppo per i diritti civili spagnolo, inoltre, ha sostenuto che le stazioni non ufficiali sono usate da Pechino per «molestare, minacciare, intimidire e costringere le persone a tornare in Cina», avendo accumulato prove di intimidazione in contrasto con il canale ufficiale dell’estradizione. «Monitoriamo i dati cinesi e ad aprile abbiamo ricevuto informazioni dal ministero della pubblica informazione che hanno mostrato che 210.000 persone sono state persuase a rientrare in un solo anno», ha commentato Laura Harth, direttrice della campagna di Safeguard Defenders. Alcune delle persone costrette a rientrare erano tra gli obiettivi dell’operazione Fox Hunt, una grande campagna fortemente voluta dal presidente Xi Jinping, apparentemente per perseguire funzionari corrotti che erano fuggiti all’estero.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook