Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Covid, nella pandemia discriminazioni verso i non vaccinati
LO STUDIO

Covid, nella pandemia discriminazioni verso i non vaccinati

La pandemia ha generato nuove forme di discriminazione e divisione sociale a scapito di coloro che si sono detti incerti o contrari al vaccino e alle imposizioni delle autorità pubblica

La pandemia ha generato nuove forme di discriminazione e divisione sociale a scapito di coloro che si sono detti incerti o contrari al vaccino e alle imposizioni delle autorità pubblica in merito: lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Nature, dal quale è emerso che le persone vaccinate contro il Covid-19 sfoggiano atteggiamenti negativi verso i non vaccinati, mentre non avviene il contrario. La valutazione, svolta da Michael Petersen dell’Università di Aarhus in Danimarca ha coinvolto oltre 15.000 persone di 21 Paesi.

I risultati dimostrano come gli individui che rispettano le indicazioni delle autorità sanitarie reagiscano con atteggiamenti discriminatori nei confronti di una fascia di popolazione contraria al vaccino che viene quindi percepita dai vaccinati come una minaccia per la salute pubblica. La diffusione dei vaccini contro il virus SarsCoV2 ha creato divisioni tra gli individui che hanno visto di buon grado il vaccino e quelli che sono rimasti esitanti e non si sono vaccinati.

Lo studio rileva inoltre che coloro che rifiutano i vaccini si sono sentiti discriminati (ad esempio, a causa di politiche governative rigide nei confronti dei non vaccinati); vi sono state anche proteste contro l’obbligo vaccinale. Per comprendere il fenomeno, Petersen e colleghi hanno valutato gli atteggiamenti di 15.233 persone (campionate in modo da essere rappresentative del loro Paese) che coprono culture diverse in tutto il mondo.

Gli autori includono dati rappresentativi dei Paesi a basso e medio reddito, oltre a quelli dei Paesi ad alto reddito. È emerso che le persone vaccinate esprimono atteggiamenti discriminatori nei confronti degli individui non vaccinati a livelli pari o superiori agli atteggiamenti discriminatori rivolti ad altri bersagli comuni, come le popolazioni immigrate o le persone che lottano contro la tossicodipendenza. Nel complesso, questo pregiudizio tende a essere unilaterale. Secondo gli autori della ricerca, questo comportamento può ostacolare la gestione della pandemia e lasciare la società più divisa di quanto non fosse prima della pandemia

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook