Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Sorrentino, esorcizzo la paura della fine
CANNES

Sorrentino, esorcizzo
la paura della fine

"E' un film atipico, più calmo, schietto, diretto e anche più bello del mio solito: sono curioso di vedere come sarà accolto". Così ha presentato la sua nuova opera 'Youth - La Giovinezza' il premio Oscar Paolo Sorrentino, ospite a Che Tempo Che Fa su Rai Tre stasera con Michael Caine, protagonista della pellicola in concorso a Cannes e in arrivo nelle sale mercoledì 20 maggio. Dopo l'annuncio odierno dell'avvio in estate delle riprese di 'The Young Pope', serie prodotta da Sky, HBO e Canal +, Paolo Sorrentino è al centro dell'attenzione. Ma se le 8 puntate in arrivo a inizio 2016 si concentreranno sui dilemmi fra pubblico e privato di un Papa (interpretato da Jude Law), la nuova pellicola tratta un tema più esistenziale, come spiega il regista: "Il film verte su una domanda, come ci si può porre rispetto al futuro quando il futuro non è un'aspettativa certa". Protagonisti della pellicola Michael Caine e Harvey Keitel che interpretano due vecchi amici, il compositore in pensione Fred Ballinger e il regista in attività Mick Boyle, che trascorrendo una vacanza primaverile discutono del passare del tempo: "Appena mi arrivò la sceneggiatura pensai a 'La grande bellezza' che personalmente avevo votato agli ultimi Oscar e la proposta mi sorprese - racconta da Fazio Michael Caine - è valsa la pena alzarsi presto ogni mattina per girare un film così bello". 'Youth' ha per il regista e sceneggiatore anche un valenza personale: "Ogni film che faccio vuole esorcizzare un mio problema, in questo caso con l'aritmetica: mi sono ritrovato a contare gli anni che mancavano alla mia fine, ora ho imparato a smettere di contarli". Nel cast internazionale anche Rachel Weisz, Paul Dano e Jane Fonda: "Con attori così grandi il mio lavoro è stato quasi da osservatore - dice Sorrentino, che confessa i suoi problemi con la lingua inglese - una volta ho provato a litigare con Keitel, ma lui non ha capito che stavamo litigando!". A margine dell'intervista Michael Caine ha ricordato con Fazio anche alcuni episodi particolari della sua lunga carriera: dalla quasi mancata consegna dell'Ordine dell'Impero Britannico ("La regina mi disse che era da un po' troppo che facevo il mio mestiere, e stavo per dirle 'Anche lei'!") alla preparazione del film 'Il servo di scena' con Orson Welles ("Il miglior film che non ho mai fatto"), dai consigli di carriera ricevuti da John Wayne e l'amicizia con Frank Sinatra fino alla precedente esperienza con un grande nome italiano: "Nel 1967 lavorai con Vittorio De Sica, il regista più divertente che abbia conosciuto: napoletani e inglesi hanno lo stesso senso dell'umorismo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook