Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Quando le canzoni diventano “macchine della felicità”
IL CONCERTO

Quando le canzoni
diventano “macchine
della felicità”

anna mallamo, renzo arbore, Sicilia, Cultura

di Anna Mallamo

Che le canzoni siano macchine del tempo lo sapevamo. È quella specie di miracolo per cui su certe note cantano tutti, ma proprio tutti, senza distinzione di età, provenienza, gusti. Ma sabato sera, all’arena Vittorio Emanuele di Portorosa, a Furnari, è stato chiarissimo, ascoltando Renzo Arbore e la sua prodigiosa Orchestra Italiana, che le canzoni possono essere anche formidabili giacimenti culturali, a loro modo monumenti, ma vivi e presenti, pronti sempre a restituire alle nostre vite il loro carico di emozione, di vitalità, di magnifica energia. Le canzoni della tradizione, le canzoni-canzoni scritte magari mezzo secolo fa ma ancora bellissime e “vere”. Le canzoni di quelli che Arbore, in scena, chiama “Maestri” e le cui immagini scorrono sullo schermo alle sue spalle: da Murolo a Modugno, passando per Natalino Otto.

«Maestri», dice quel formidabile maestro che però non ha perso mai l’aria scanzonata da studente, men che meno a 78 anni, con la camicia hawaiana e l’energia d’un ragazzo che prende in giro pure la vecchiaia: in scena racconta il “suo” rapporto con l’età, infilando una serie di battute esilaranti (Amnesy International e una tirata sulla mania di ripetere le cose... ripetuta all’infinito) e sfottendo – ma alla sua maniera sempre amabile, ironica e fine – amici «più anziani».

«Maestri», dice Renzo Arbore, e suona (con la chitarra, il clarinetto, le tastiere) con scanzonata reverenza classici formidabili come “Reginella”, mostrando – grazie anche al supporto dell’Orchestra, i cui membri sono presentati uno per uno, e ciascuno ha il suo assolo, il suo momento, la sua ribalta tutta intera, visto che sono tutti bravissimi e non meno divertenti del loro mattatore – che le canzoni sono quelle di sempre ma sempre con qualcosa di più: “Maruzzella” jam e “Chella là” country western. E dentro le canzoni piove di tutto: sonorità arabe, bossa nova, swing. Ritmi afro, finto reggae, persino un “rap napoletano”.

Perché l’Orchestra Italiana fa questo: porta la nostra migliore musica nel mondo (e all’inizio del concerto scorrono le immagini degli spettacoli fatti ovunque, da Pechino a New York), ma fa anche entrare il mondo intero nella nostra musica. E ci dimostra che la musica è scambio, condivisione, accoglienza. Quella che – alla fine, tra i tantissimi bis accolti in un delirio d’applausi dal pubblico – Arbore riconosce ai siciliani e ai meridionali, «che in questo momento così drammatico accolgono i migranti e dimostrano tutto quello che valgono, alla faccia di chi li vuole male».

E sì, le canzoni possono essere memoria condivisa, macchine del tempo e meravigliose macchine per produrre quella cosa che Arbore, il magnifico ragazzo di 78 anni, nomina per ultima, prima di lasciare il palco: la felicità.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook