Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CRACOVIA

Giorno della memoria, studenti di Vibo e Catania sui luoghi dell'orrore

di

Oltre cento studenti – tra cui calabresi e siciliani – sono partiti da Roma verso la Polonia per l’annuale Viaggio della Memoria organizzato dal Miur, con la collaborazione dell’Ucei (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane), per commemorare le vittime della Shoah. I ragazzi coinvolti nell’iniziativa ascolteranno le testimonianze di chi ha vissuto la tragedia dell’Olocausto, visiteranno i luoghi dove i fatti sono avvenuti, rifletteranno e si interrogheranno su quello che è stato, affinché non accada mai più. Gli studenti sono guidati dalle sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute ad Auschwitz e testimoni dell’Olocausto. Partecipano al Viaggio anche Giuseppe Chiné, Capo di Gabinetto del Miur, Noemi Di Segni, Presidente dell’Ucei, David Ermini, Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Francesco Minisci, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, lo storico Marcello Pezzetti. Assente per impegni istituzionali il titolare del Miur Marco Bussetti.

I ragazzi che hanno raggiunto la Polonia sono stati scelti con le loro scuole per aver realizzato i migliori progetti didattici sul tema della Shoah. Da anni il Miur bandisce infatti un concorso in occasione delle commemorazioni del Giorno della Memoria, il 27 gennaio. Gli istituti scolastici partecipanti sono per la Calabria il Convitto Filangieri di Vibo Valentia e per la Sicilia il “G. De Felice Giuffrida Olivetti” di Catania. Poi l’Ipssar “De Cecco” di Pescara; ; l’IC “Martiri di Sant’Anna di Stazzema”, di Stazzema (Lucca); l’IC Virgilio di Roma; l’Iis “Paolo Baffi” di Roma; il liceo scientifico “Marconi” di Pesaro; l’Istituto “G.Caboto” di Chiavari (Genova), vincitore del Concorso “I giovani ricordano la Shoah”; il liceo classico “Don bosco” di Borgomanero; il liceo coreutico “Felice Casorati” e il liceo classico e linguistico “Carlo Alberto” di Novara. Ci sara’ anche una delegazione italiana di Rom e Sinti; rappresentanti dei Forum nazionali delle associazioni degli studenti e delle associazioni dei genitori; rappresentanti delle Consulte provinciali degli studenti.

Oggi gli studenti visiteranno il campo di sterminio di Birkenau e il ghetto istituito dai nazisti nel 1941 nel quartiere Podgorze di Cracovia. Ma anche l’antico quartiere di Kazimierz e il Museo di Auschwitz.

«La nostra presenza qui e la sottoscrizione della carta di intenti risponde al compito di rappresentare una istituzione e a quello di testimoniare quanto questa istituzione ritenga urgente coltivare la memoria quale imprescindibile anticorpo al risorgere di germi razzisti e antisemiti in un momento storico che purtroppo vede, in Italia e negli altri paesi europei, il rincrudire di umori e ventate di odio e intolleranza», ha detto il vicepresidente del Csm David Ermini nella Sinagoga. Il rabbino Alberto Somekh ha rivolto direttamente un appello ai ragazzi, chiedendo loro di «allargare gli orizzonti: più ampie sono le vostre vedute, più grande sarà la vostra capacità di accettare il prossimo». “Studiare la Shoah- ha aggiunto la presidente dell’Ucei, Noemi Di Segni- significa comprendere anche dinamiche che caratterizzano la società di oggi, in cui ancora non sono debellate radici fatte di antisemitismo, di razzismo e di intolleranza». Il presidente dell’Anm Francesco Minisci ha ricordato «l’importanza della memoria per uno sterminio che non ha eguali nella storia».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook