Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Musei siciliani nei festivi, non c'è l'accordo: si va verso la chiusura dei siti culturali

“Villa Romana del Casale” di Piazza Armerina

Non c'è accordo sull'apertura dei musei nei festivi in Sicilia e si va verso la chiusura dei siti culturali. Dalla riunione di ieri al dipartimento regionale dei Beni culturali è arrivata una fumata nera in merito alla possibilità di trovare un accordo per derogare al limite annuo di un terzo dei festivi durante i quali i regionali possono lavorare, limite previsto dal contratto. Il Sadirs, per voce di Peppino Salerno e Pippo di Paola, ricorda che «sono ancora fermi i pagamenti delle indennità delle 2019, spettanze dovute per i sacrifici fatti, e non si può chiedere continuamente ai lavoratori uno sforzo senza alcuna retribuzione». In tutto sono circa 700 i lavoratori in attesa di indennità che in media si aggirano tra 3 e 4 mila euro.

«Peggio ancora - dice il Sadirs -, non solo questi lavoratori hanno garantito l'apertura dei musei la domenica e i festivi lo scorso anno, senza ricevere un euro di indennità aggiuntiva, ma sono pure accusati di essere fannulloni. Questo è il risultato di una politica fallimentare dell'assessorato e del governo nonostante la disponibilità e la buona volontà del personale, che ha sempre lavorato con coscienza e nell'interesse della pubblica amministrazione. Evidentemente tutto questo non è stato compreso». Il Sadirs quindi ribadisce che «fino a quando non si avranno notizie certe, non firmeremo nessun nuovo accordo». Intanto da sabato 25 luglio e fino al 25 ottobre la “Villa Romana del Casale” di Piazza Armerina resterà aperta anche durante le ore serali.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione Sicilia

Digital Edition
Dalla Gazzetta del Sud in edicola

Scopri di più nell’edizione digitale

Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale.

Leggi l’edizione digitale
Edizione Digitale

Persone:

Caricamento commenti

Commenta la notizia