Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura "The White Lotus" dalle Haway si trasferisce a Taormina la serie diretta da Mike White
IL RESORT

"The White Lotus" dalle Haway si trasferisce a Taormina la serie diretta da Mike White

L’attesa è molto forte visto che la prima stagione della serie targata HBO - creata, scritta e diretta da Mike White (“Enlightened - La nuova me”) - ha sbancato agli Emmy Awards con ben dieci premi. Un successo frutto del cast internazionale e del tono irriverente, prendendo di mira gli eccessi del lusso e quel tipo di ricchezza e agiatezza che si muove in una bolla grottesca, completamente scollegata dalla realtà sociale.
Archiviata l’ambientazione hawaiana del passato, adesso entra in scena la Sicilia e per sette episodi verremmo catapultati in un resort all’insegna dell’esclusività, seguendo e narrando le esperienze degli ospiti e dello staff nel corso di un’intensa settimana.

Del primo cast rivedremo soltanto Jennifer Coolidge (nel ruolo dell’ereditiera Tanya McQuoid) e Jon Gries, nei panni del suo partner, Greg. E poi, ecco Aubrey Plaza (“Parks and Recreation”), Michael Imperioli (uno dei grandi protagonisti della serie “I Soprano”), Theo James (“Un amore senza tempo”), Haley Lu Richardson (“A un metro da te”) e ci sarà anche un premio Oscar, ovvero F. Murray Abraham (“Amadeus”), alle prese con una fame d’amore che non si placa nonostante l’età.

E soprattutto, ci sarà l’attrice Sabrina Impacciatore (“L'ultimo bacio”) nei panni della direttrice del resort, fra crisi isteriche e capricci da gestire, prendendosi la scena con merito.

Natura e bellezza la faranno da padroni – provando a non eccedere negli stereotipi sugli italiani e nella narrazione della Sicilia – ma ci sarà sin da subito una trama suspense con un cadavere, ritrovato fra le onde e i bagnanti. La formula vincente non si cambia, si riderà parecchio con una venatura di black humour molto apprezzata dal pubblico, mettendo a confronto padri e figli nello scenario isolano.

Il punto di forza sono proprio le tensioni, le scintille del confronto multi-generazionale che potrebbe rivelarsi decisamente stressante («Siamo in vacanza con la famiglia e siamo solo noi tre perché tutte le donne della nostra famiglia ti odiano»), chi cerca un contatto con la nostalgia del passato fra i borghi siculi e chi, invece, vorrebbe solo godersi un po’ di relax ma è costretto a dedicarsi sempre al “business”, perché senza soldi non c’è lusso che tenga.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook