Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Von Zitzewitz, premiata al Rhegium Julii: «Continua a leggere, e populisti e complottisti non potranno averti!»

Von Zitzewitz, premiata al Rhegium Julii: «Continua a leggere, e populisti e complottisti non potranno averti!»

Nell’ambito dei premi Rhegium Julii, ha ricevuto quest’anno il premio internazionale “Città dello Stretto” la scrittrice e docente di letteratura russa alle Università di Oxford, Cambridge e Tromso (Norvegia) Josephine Von Zitzewitz, esperta di letteratura russa underground e del dissenso. La studiosa incontrerà studenti e docenti dell’Università di Messina domani alle 10.30 al Dipartimento di scienze cognitive, psicologiche e pedagogiche. Con lei converseranno il prof. Dario Tomasello e la scrittrice Elena Kostioukovich, traduttrice di Umberto Eco in Russia e autrice del saggio «Nella mente di Vladimir Putin» (La Nave di Teseo). Un incontro replicato il giorno dopo a Reggio, all’Università Mediterranea (ore 10.30, Aula Magna Quaroni).
La prof. Von Zitzewitz ha inviato agli studenti un messaggio, nel quale, dicendosi «molto onorata» di ricevere il premio, racconta che la maggior parte del suo lavoro «si concentra su "samizdat" - letteratura prodotta illegalmente (e altri testi) dall'Unione Sovietica. In Unione Sovietica, lo Stato ha sempre controllato tutta la produzione testuale: tutti i testi stampati sono controllati dalla censura ufficiale per verificarne la conformità agli standard ideologici ed estetici. Eppure durante gli ultimi anni dell'Unione Sovietica un numero crescente di scrittori ha fatto circolare i propri testi “underground”, senza l'approvazione delle autorità. Ancora più importante, un gran numero di persone, affamate di informazioni e desiderose di formarsi una propria opinione, hanno letto e fatto circolare questi testi prodotti illegalmente. Sia gli scrittori che i lettori di samizdat volevano esplorare un mondo oltre gli angusti confini ideologici. Scelsero di dedicare molte ore a riprodurre testi per lo più a mano, con l'ausilio di macchine da scrivere, pur sapendo che il samizdat poteva portare alla persecuzione, alla reclusione o all'esilio forzato – è quello che è successo ad Alexander Solzhenitsyn, l'autore di “Arcipelago Gulag”, un'opera monumentale sul sistema dei campi di prigionia sovietici.
Queste persone hanno esercitato la libertà di espressione in uno Stato che non permetteva questa libertà né nella politica né nell'arte. Soprattutto, hanno letto voracemente. Erano disposti ad andare in prigione per aver condiviso capolavori letterari proibiti con i loro amici. Hanno creduto nell'importanza di formare opinioni basate su fonti accurate, ad esempio documenti conservati in archivi di difficile accesso». «Oggi le ideologie repressive sono di nuovo in aumento in molti paesi, anche in Europa. I politici populisti conquistano un vasto pubblico diffondendo teorie del complotto, mettendo diversi gruppi di persone l'uno contro l'altro e offrendo soluzioni apparentemente semplici alle complesse questioni dei giorni nostri. La propaganda può essere molto persuasiva, ma alla fine funziona come la “neolingua” di George Orwell: restringe la nostra capacità di pensare da soli e articolare posizioni sfumate. Alla fine, potremmo davvero essere disposti a credere che "la guerra è pace". Chiamare "guerra" la guerra iniziata dalla Russia in Ucraina può far finire in prigione i cittadini russi ora. L'impegno per la libertà di espressione, così come la volontà di ricercare i fatti e di interrogare criticamente le fonti non è mai stato così importante come nella nostra epoca di politica estremamente faziosa accompagnata dai social media. Se comprendi i meccanismi della retorica e del punto di vista narrativo – una delle tante cose che lo studio della letteratura ti aiuta a fare – diventerai resiliente ai tentativi degli altri di sedurti, confonderti o cooptarti. Se hai esplorato una moltitudine di situazioni, luoghi, epoche storiche e stati emotivi –cosa che leggere la letteratura ti permette di fare – è molto meno probabile che tu perda la tua empatia e il senso della prospettiva. È molto difficile trasformare il lettore curioso in un ingranaggio della macchina. Continua a leggere!».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook