Giovedì, 09 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura InDivenire Festival: come da un’idea sboccia il teatro. Giampiero Cicciò direttore artistico
IV EDIZIONE

InDivenire Festival: come da un’idea sboccia il teatro. Giampiero Cicciò direttore artistico

In scena a Roma sedici compagnie, che concorrono al Premio, cinque eventi speciali e superospiti
Sicilia, Cultura
Giampiero Cicciò

Protagonista il teatro: quello che si fa, quello che prende forma da un’idea, un testo, quello di cui si scrive. Quello che vuole riprendersi tutto lo spazio e il tempo “rubati” dalla pandemia. È partita allo Spazio Diamante di Roma la quarta edizione del Festival inDivenire: fino al 30 gennaio sul palco 16 compagnie teatrali e cinque eventi speciali con gli attori Maddalena Crippa e Filippo Timi, il critico Rodolfo di Giammarco, la pedagoga della voce Francesca Della Monica, il regista Massimo De Rossi e lo spettacolo di teatro/danza “Bisbigliata Creatura”.

Nato nel 2017, il Festival inDivenire è un progetto di Alessandro Longobardi, direttore artistico del Teatro Brancaccio, Sala Umberto e Spazio Diamante, con la direzione artistica dell’attore e regista messinese Giampiero Cicciò. Scelti tra i 198 progetti presentati, i 16 lavori in forma di studio andranno in scena e grazie al “Premio inDivenire” potranno debuttare come spettacoli completi. Inoltre, ATCL, Circuito regionale dello spettacolo dal vivo, ospiterà la compagnia vincitrice in tre teatri di sua competenza.

Al centro, sempre il teatro nel suo farsi. Giampiero Cicciò racconta: «Il festival prevede, oltre alla messa in scena degli studi, diversi eventi: presentazioni di libri e incontri con eccellenze del teatro italiano che racconteranno la loro esperienze di vita teatrale. Il Premio inDivenire, che nasce ricordando i miei esordi e gli esordi di tanti che fanno il mio mestiere, ha lo scopo di dare forma e vita ad un progetto, un’intuizione: trasformare un’idea, uno studio, la visione di un testo, in spettacolo».

«Felice di questa ripartenza dopo un lungo fermo dovuto al Covid – dice Alessandro Longobardi – diamo il nostro piccolo ma solido contributo per consentire alle compagnie in cerca di visibilità e pubblico di vivere uno spazio che si arricchirà di nuovi sognatori come me per un mondo migliore».

Al cartellone si aggiungono cinque eventi speciali con ospiti di prestigio. Domani toccherà allo spettacolo ospite, in prima nazionale, «Momino Caro (Breve storia di un uomo che ingannò la morte)» di Massimo De Rossi da Luigi Pirandello. Maddalena Crippa il 26 gennaio (ore 18) incontrerà spettatori e compagnie del Festival per un’intervista, condotta da Giampiero Cicciò, sul suo percorso professionale. Si parlerà delle sue importanti collaborazioni con grandi maestri del teatro come Strehler, Ronconi, Castri, Cobelli, Stein, De Simone, Carsen. Domenica 29 (ore 16) sarà il momento dedicato al libro «A voce spiegata. Diario di bordo sulle rotte della vocalità» (La Casa Usher) di Francesca della Monica. L’autrice, celebre in tutto il mondo per la sua «pedagogia della voce», è nota anche per essere stata la preparatrice vocale personale di Dario Fo. A seguire, la serata di premiazione con Filippo Timi che consegnerà il premio ai vincitori e regalerà al pubblico l’interpretazione di una sua creazione. Il 30 gennaio andrà in scena “Bisbigliata Creatura” della Compagnia Sosta Palmizi, vincitrice del Premio inDivenire Danza 2019, ideazione e regia di Mariella Celia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook