Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia La manovra verso i 40 miliardi, ecco quali sono e quanto costano le misure decise dal governo
PALAZZO CHIGI

La manovra verso i 40 miliardi, ecco quali sono e quanto costano le misure decise dal governo

manovra finanziaria, Sicilia, Economia
Giuseppe Conte

Attuare le misure promesse da Lega e Movimento 5 Stelle potrebbe far lievitare il conto della prossima manovra a circa 40 miliardi. Una cifra che nemmeno il deficit al 2,4% del Pil basterebbe a coprire e per la quale servirebbero altri 13 miliardi di risorse aggiuntive.

Nel conto rientrano innanzitutto 12,5 miliardi per disinnescare le clausole Iva, oltre a 3,6 miliardi da destinare alle spese indifferibili e 3-4 miliardi di maggiori interessi sul debito. Un primo blocco di spesa da circa 20 miliardi che, insieme agli effetti della minore crescita, assorbe la maggior parte dell’extra deficit, lasciando a disposizione solo 7 miliardi di euro. Stando però agli annunci delle due forze di governo, servono anche 10 miliardi per il reddito di cittadinanza, tra i 6 e gli 8 miliardi per riformare la legge Fornero sulle pensioni introducendo quota 100, 1,5 miliardi per risarcire i risparmiatori coinvolti nelle crisi bancarie, 1,5 per ampliare la flat tax sugli autonomi, 1 miliardo per tagliare al 15% l’Ires sugli utili reinvestiti. Senza contare ulteriori eventuali fondi da destinare agli investimenti, su cui il governo continua a insistere. Non è quindi escluso che, al di là degli incassi legati alla pace fiscale, si debba comunque fare ricorso a nuovi tagli, ancora tutti da verificare.

PACE FISCALE FINO A 500MILA EURO - Dopo la resistenza del M5S, contrario ad ogni forma di sanatoria simile ad un condono, il tetto per aderire all’operazione di «saldo e stralcio» dei debiti sarebbe sceso da 1 milioni a 500 mila euro.

QUOTA 100 CON ALMENO 38 ANNI DI CONTRIBUTI - Per superare la Fornero, il paletto dovrebbe essere doppio: età minima a 62 anni e contributi a 38 anni. Allo studio anche la possibilità di bloccare l’aumento dell’aspettativa di vita di 5 mesi per le pensioni anticipate previsto per il 2019. In pratica quindi nel 2019 si potrà continuare ad andare in pensione indipendentemente dall’età avendo 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 3 mesi per le donne) invece che 43 anni e 3 mesi. Nelle intenzioni di Lega e 5 Stelle l’obiettivo sarebbe quello di consentire l’uscita di 400 persone con un ricambio generazionale che nelle aziende di Stato, secondo Luigi Di Maio, potrebbe valere 2 assunti ogni pensionato.

REDDITO DI CITTADINANZA - Anche in questo caso l’assegno promesso è di 780 euro al mese. La platea sarebbe, secondo Di Maio, di 6,5 milioni di persone, superiore quindi ai 5 milioni di poveri stimati dall’Istat. Il costo annunciato è di 10 miliardi ma distribuire a questa platea l’importo previsto farebbe lievitare il conto ben al di sopra (il contratto di governo parlava di 17 miliardi). La misura potrebbe però partire da marzo o da maggio, preceduta dal potenziamento dei centri per l'impiego. All’intervento sarebbero peraltro destinati gli stanziamenti già previsti per il Reddito di inclusione, pari a circa 2,6 miliardi.

SALGONO LE PENSIONI MINIME - Negli annunci, oltre al reddito, rientrano anche le pensioni di cittadinanza che il M5S vorrebbe a 780 euro a partire già da gennaio. Non è chiaro se all’intervento saranno destinate risorse ad hoc o se si attingerà ai 10 miliardi del reddito di cittadinanza.

FLAT TAX PARTE DAGLI AUTONOMI - La Lega punta ad ampliare la platea di destinatari del regime forfettario dei minimi, che interessa adesso circa 900 mila soggetti portandoli a un milione e mezzo. L’idea è di garantire la flat tax al 15% (che assorbe Iva, Irpef e Irap) a tutti i redditi sotto i 65.000 euro contro gli attuali tetti di 30.000 e 50.000 euro. E’ al momento in stand by l’ipotesi di una seconda aliquota al 20% per i redditi aggiuntivi fino a 100.000 euro per la quale serve il via libera dell’Ue.

MINI-IRES PER ASSUNZIONI E UTILI REINVESTITI - La tassa sulle imprese potrebbe scendere dal 24% al 15% per le aziende che reinvestono gli utili in macchinari e attrezzature, in ricerca e sviluppo o in nuove assunzioni stabili.

MOLTIPLICATI RISARCIMENTI A RISPARMIATORI - Per gli obbligazionisti e gli azionisti coinvolti nelle crisi bancarie, l'obiettivo è portare il fondo rimborsi a 1,5 miliardi, facendo leva sulle risorse che via via si libereranno dai conti dormienti. Il timing dell’operazione non è stato precisato.

CACCIA ALLE COPERTURE, TAGLI NECESSARI - Oltre al deficit la voce da cui la maggioranza punta ad ottenere maggiori risorse è la pace fiscale. Anche in questo caso, gli annunci parlano di 5 miliardi di potenziale gettito. Fonte di coperture, anche se spalmate in più anni, potrebbe essere la gara 5G che ha già raggiunto i 5,9 miliardi contro i 2,5 stimati nella scorsa legge di bilancio. Ciò non toglie, tuttavia, che si debba probabilmente far ricorso ad una nuova tornata di spending review che potrebbe valere tra i 3 e i 4 miliardi (di cui 1 miliardo già previsto per legge in arrivo dai ministeri) e ad una risistemazione degli attuali incentivi alle imprese, a partire dall’Ace, con cui finanziare il pacchetto fisco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook