Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Piano Ue per la pesca al pesce spada: quote alle piccole imbarcazioni di Sicilia e Calabria
MEDITERRANEO

Piano Ue per la pesca al pesce spada: quote alle piccole imbarcazioni di Sicilia e Calabria

Un piano di recupero di 15 anni per salvare il pesce spada nel Mediterraneo. E’ quanto chiedono
gli eurodeputati della Commissione pesca, che hanno dato l’ok alla trasposizione nel diritto Ue delle raccomandazioni del 2016 della Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico (Iccat) sul pesce spada nel mare nostrum.

Il piano, che coinvolge anche le storiche marinerie di Sicilia e Calabria, prevede autorizzazioni a pescherecci specializzati nella pesca allo spada con registro delle catture, quote nazionali da distribuire con priorità alla pesca artigianale e tradizionale, osservatori scientifici a bordo di almeno il 10% dei battelli. Altre misure previste dall’Iccat, come il contingente (10.500 tonnellate), il periodo di fermo pesca (da gennaio a marzo) e la deroga all’obbligo di sbarco erano già state integrate nella legislazione Ue in una fase precedente.

Soddisfatto il relatore della proposta, Marco Affronte, per "le quote riservate ai piccoli pescatori» e «l'introduzione di una serie di controlli a bordo che dovrebbe garantire una corretta applicazione della normativa». Il rapporto dovrebbe essere votato dalla plenaria di Strasburgo nel marzo 2019.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook