Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
I FRUTTI DELLA PROTESTA

Latte a 72 centesimi e rappresentanze di pastori nei consorzi, la bozza dell'accordo

La parte principale e più delicata della bozza di accordo raggiunto ieri in prefettura tra pastori e industriali riguarda l'aspetto economico. Ma l'intesa comprende anche altri dieci punti. Per quanto riguarda i soldi, si riconosce il prezzo al litro di 0,72 euro Iva inclusa come acconto per i mesi di febbraio, marzo e aprile 2019. A fine maggio, sulla base del mercuriale della Camera di Commercio di Milano, relativa al periodo giugno 2000 e 18 maggio 2019, ci sarà la verifica del valore medio del prezzo del Pecorino Romano che costituirà il prezzo base per i mesi successivi (secondo prezzo in acconto).

Per il primo novembre è prevista la verifica finale del prezzo medio relativo al periodo novembre 2018-ottobre 2019. Su questa base sarà determinato il conto a conguaglio da corrispondere a saldo. I prezzi finali saranno determinati secondo le normali logiche del mercato legando il prezzo del latte alle dinamiche del mercato del formaggio, le Dop sarde.

Continua la protesta dei pastori in Sicilia, versati 2 mila litri di latte nel Dittaino

Accordo raggiunto anche su altri aspetti più generali. Al primo posto la previsione di una rappresentanza dei pastori all'interno dei consorzi. Nel documento anche la proroga della scadenza dell'atto programmatorio relativo al pecorino romano, la definizione di misure di monitoraggio per assicurare il rispetto delle quote, la previsione di un registro telematico del latte ovicaprino. Confermato l'avvio del tavolo di filiera per il prossimo 21 febbraio a Roma.

Per la moratoria dei mutui - recita il documento - si prenderanno contatti con il sistema bancario. Importante anche la nomina di un prefetto con compiti di analisi, sorveglianza e monitoraggio delle attività della filiera. Saranno poi definiti appositi accordi con la grande distribuzione per promuovere la vendita del prodotto e sarà costituito la Commissione unica nazionale del latte ovicaprino (Cun). Di intesa con l'agenzia Ice saranno poi definite iniziative per sostenere l'internazionalizzazione del prodotto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook