Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA PROTESTA

Sciopero dei benzinai, impianti chiusi il 6 e 7 novembre

Contro l’illegalità «figlia delle liberalizzazioni selvagge» ed il mancato intervento di
compagnie, organizzazioni e governo per riformare il settore. I benzinai aderenti Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio proclamano 2 giorni di sciopero.

La protesta - si legge in una nota congiunta- con la chiusura degli impianti su strade ed autostrade, è stata fissata per il 6 ed il 7 novembre prossimi e prevede anche un 'concentramento' sotto il Parlamento.

«Secondo stime accreditate quanto prudenti il fenomeno dilagante dell’illegalità nella distribuzione dei carburanti, interessando una quota che si aggira intorno al 15% di prodotti «clandestini» sul totale dei 30 miliardi di litri erogati, vale numerosi miliardi di euro ogni anno» scrivono Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio nella nota sottolineando la necessità di una «riforma complessiva che metta riparo ad oltre un decennio di deregolamentazione ed allentamento dell’intero sistema regolatorio che ha aperto le porte ad ogni forma di illegalità».

Nel mirino dei benzinai, tra l’altro, i provvedimenti come la fatturazione elettronica; la trasmissione telematica dei corrispettivi; il Das elettronico l’introduzione dell’ISA in sostituzione degli studi di settore; l’obbligo di acquisto del «Registratore Fiscale Telematico"; l’onerosità della moneta elettronica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook