Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
TRASPORTI

Sciopero aereo di 4 ore domani, voli cancellati e disagi per i passeggeri

Sciopero di quattro ore nel trasporto aereo domani, martedì 14 gennaio, con i sindacati sul piede di guerra per la riduzione della mobilitazione (inizialmente prevista per l’intera giornata), decisa dal ministro Paola De Micheli con un’ordinanza emessa dal ministero dei Trasporti e Infrastrutture. L’agitazione indetta dall’organizzazione sindacale Unica e da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Ta/Assivolo Quadri si concentrerà, dunque, fra le 13,00 e le 17,00. Previsti disagi, solo Alitalia ha già cancellato 139 voli.

Il Mit ha ridotto le ore della protesta «per evitare un pregiudizio grave e irreparabile al diritto di libera circolazione costituzionalmente garantito». Ad essere interessati dall’ordinanza lo sciopero dei dipendenti Enav e di alcuni vettori (tra i quali EasyJet e Air Italy). «In occasione dello sciopero - informa la Filt - si terranno presidi unitari nei principali aeroporti, come a Roma Fiumicino, presso il Terminal 1, a partire dalle 10, a Linate presso il briefing ed a Malpensa al Terminal 1». Inoltre, sono previste azioni di sciopero di 24 ore: Aeroporto di Ancona, indetto da Ugl-Ta e Unica; Aeroporto di Perugia, indetto da Ugl-Ta; Aeroporto di Pescara, indetto da Ugl-Ta.

Tutti d’accordo i sindacati nel ritenere l’ordinanza «una grave quanto ingiustificata limitazione all’esercizio del diritto di sciopero», come ha osservato Salvatore Pellecchia, segretario generale della Fit-Cisl. Da parte sua, il segretario nazionale Uiltrasporti, Ivan Viglietti, ha parlato di una decisione «inopportuna» da parte del Mit, visto che «lo sciopero nel trasporto aereo è già molto regolamentato e anche in questo caso è stato proclamato nel pieno rispetto di tutti gli iter previsti dalla legge». E ha osservato: «Il Governo da una parte non dà gli strumenti necessari per le tutele dei lavoratori e della occupazione del settore e dall’altra impedisce ai lavoratori di scioperare. Non è questo quel che ci aspetteremmo da un Governo, che come più volte ha dichiarato, dice di essere dalla parte dei lavoratori più deboli».

PERCHE' SI SCIOPERA
Diverse le motivazioni delle agitazioni di domani. Da una parte i sindacati vogliono mantenere alta l’attenzione sulle tante crisi e sulle vertenze in corso, da Volotea ad Easyjet, passando per Ernest Airlines e Albastar. Sul fronte dell’Enav, i sindacati chiedono di fare chiarezza sull'applicazione del piano industriale e sul rispetto degli accordi, oltre a un radicale cambiamento del modello di relazioni industriali. Comune denominatore a tutte queste situazioni, la necessità di avviare una duplice azione che le organizzazioni sindacali chiedono da un anno e mezzo, al passato Governo e a quello attuale. Innanzitutto un tavolo per la riforma del trasporto aereo, quindi per la definizione di regole che mettano fine «al dumping contrattuale e alla competizione selvaggia tra le imprese dei servizi di terra e tra i vettori» e per l’individuazione di un contratto nazionale di settore come riferimento minimo retributivo e normativo per tutti coloro che operano negli aeroporti italiani. L’altro è il mancato finanziamento del Fondo di solidarietà del Trasporto Aereo, necessario a salvaguardare il reddito di migliaia di famiglie.

I DISAGI, TRA RITARDI E VOLI CANCELLATI
Per quel che riguarda gli impatti sui passeggeri, oggi sul sito di Alitalia sono indicati 139 voli cancellati. Per limitare i disagi dei passeggeri, Alitalia ha attivato un piano straordinario che prevede l’impiego di aerei più capienti sulle rotte domestiche e internazionali, con l’obiettivo di riprenotare i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni sui primi voli disponibili in giornata: il 75% dei passeggeri riuscirà a partire nella stessa giornata del 14 gennaio. L’invito ai viaggiatori «che hanno acquistato un biglietto per volare il 13 dicembre - e anche nella serata del 12 e nella prima mattina del 14 dicembre - a verificare lo stato del proprio volo, prima di recarsi in aeroporto, sul sito alitalia.com, chiamando il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero), oppure contattando l’agenzia di viaggio dove hanno acquistato il biglietto».

Saltano 12 voli per la Sardegna. Lo sciopero dei controllori di volo previsto per quattro ore nel pomeriggio di domani farà saltare otto collegamenti aerei della continuità territoriale della Sardegna gestiti da Alitalia e altri quattro voli di Air Italy fra Olbia e Roma Fiumicino e Milano Linate. In tutto domani ci saranno 12 voli in meno fra l’isola e i principali scali nazionali. Intanto, il 16 aprile scadrà l’attuale regime di continuità territoriale aerea, già in regime di proroga, e la situazione è di grande incertezza. Non ci sono i tempi per il nuovo bando e la Regione è impegnata a ottenere una nuova proroga, prima negoziando con l’Ue e poi con le compagnie protagoniste dell’attuale regime, Alitalia, commissariata, e Air Italy. La prima riceve compensazioni per gli oneri di servizi, l’altra no e potrebbe non avere interesse a proseguire.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook