Giovedì, 02 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Credito alle imprese artigiane: quasi 15 milioni di euro bloccati alla Crias
L'ALLARME

Credito alle imprese artigiane: quasi 15 milioni di euro bloccati alla Crias

«Istanze per quasi 15 milioni di euro bloccate ed imprese a rischio fallimento». A lanciare l’allarme sono Cna, Casartigiani, Confartigianato e Claai dopo l’incontro, avuto nella sede dell’Assessorato all’Economia, per fare il punto della situazione rispetto alle dinamiche che stanno caratterizzando la gestione della Crias.

«Siamo molto preoccupati – affermano i rappresentanti delle quattro Organizzazioni datoriali – per il modo con cui la politica regionale sta affrontando questa delicata materia, legata all’accesso al credito agevolato da parte delle imprese artigiane siciliane. Fermo restando la nostra posizione critica in riferimento all’accorpamento con l’Ircac, il cui nuovo soggetto continua ad essere un contenitore vuoto ed inefficace – sottolineano – qui incombe, oggi, una seria emergenza che va urgentemente affrontata da chi ha precise responsabilità istituzionali».

«C’è in gioco il destino di centinaia di attività che sono in attesa di ricevere la somma richiesta. Si tratta di artigiani e piccoli imprenditori, i quali hanno già sottoscritto compromessi di acquisto o stato di avanzamento dei lavori che, in assenza della concessione del credito, rischiano di trasformarsi in una sorta di trappola. Tradotto in soldoni, significa spingere questi operatori economici verso un inevitabile triste epilogo. Per meglio capire l’entità del problema, basti pensare che nel 2019 l’erogato ha superato i 75 milioni di euro».

«Adesso il nodo centrale, che paralizza l’attività di erogazione, è rappresentato dall’adeguamento del fondo di gestione della Crias ai dettami del decreto legislativo 118 sull’armonizzazione contabile. Di fatto questa prescrizione, particolarmente restrittiva, ne blocca l’operato in quanto la Crias agisce solo con la disponibilità pari al rientro. Di fronte a questo drammatico scenario – evidenziano Cna, Casartigiani, Confartigianato e Claai – invochiamo un immediato intervento del Governo regionale, del Parlamento siciliano e delle Forze politiche, di maggioranza e di opposizione, affinché individuino tempestivamente, ciascuno per il ruolo di competenza, una soluzione adeguata che metta la Crias nelle condizioni di evadere le pratiche e di erogare il credito, che è di vitale importanza per il nostro tessuto produttivo, già in grande affanno».

«Sono quasi 80mila le imprese artigiane che fanno ricorso allo strumento della Crias, alla quale per potere continuare a dare risposte – concludono le quattro Organizzazioni datoriali – o si consente di adottare il collaudato sistema della contabilità economico patrimoniale, oppure di operare con risorse, di almeno 50 milioni di euro, messe a disposizione dalla Regione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook