Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bonus vacanze da 500 euro a partire dal primo luglio, ecco come funziona
IL VADEMECUM

Bonus vacanze da 500 euro a partire dal primo luglio, ecco come funziona

Bisognerà aspettare per il Tax Credit Vacanze fino a 500 euro a famiglia. La misura potrà essere utilizzata dal primo luglio e quindi l'Agenzia delle Entrate ha ancora tempo per definire nel dettaglio le modalità applicative.

COME FUNZIONA. La misura prevede un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi, bed and breakfast. Un credito relativo al periodo d'imposta 2020, per i pagamenti legati alla fruizione dei servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive dagli agriturismi e dai bed&breakfast. Potrà essere speso dal primo luglio fino al 31 dicembre 2020. L'80% sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, il restante 20% come detrazione dall'imposta sul reddito.

A CHI SPETTA. Possono chiedere il bonus vacanze le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro. L'importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona.

GLI ALTRI BONUS. Già attivo è il bonus da 600 euro riconosciuto alle partite Iva: per la parte che spetta all'Inps - per le professioni che hanno casse autonome i meccanismi sono ovviamente diversi - si è partiti con il pagamento del mese di aprile che dovrebbe arrivare entro lunedì a tutti coloro che si sono visti riconoscere il beneficio a marzo. Ma per maggio sarà diverso: l'importo sale a 1.000 euro e spetterà solo a coloro che dimostreranno di aver subito una riduzione del 33% del reddito nel secondo bimestre del 2020 rispetto allo stesso del 2019. Per definire i tempi della domanda e quali certificazioni portare bisognerà comunque aspettare le indicazioni dell'Inps, che riceverà la domanda, che dovrà coordinarsi con l'Agenzia delle Entrate alla quale spetteranno i controlli. I tempi quindi non saranno brevi.

Attese per lunedì sono le istruzioni per il bonus per Colf e badanti: 500 euro aprile e altrettanti per maggio che vanno solo a chi ha almeno 10 ore settimanali di contributi (anche da uno o più contratti) e non è convivente. L'aiuto non spetterà a chi ha già ottenuto altri bonus o è percettore del reddito di Cittadinanza o del futuro Reddito di emergenza.

Il Rem, invece, è già partito. Da venerdì è possibile presentare la domanda e sono stati già 20mila quelli che l'anno fatto nel primo giorno. Ma per la richiesta - che prevede specifici paletti di reddito e patrimonio adattati al numero dei componenti del nucleo familiare - c'è tempo fino a tutto giugno e quindi difficile prevedere quando si potrà usufruire concretamente di questo aiuto che varia dai 400 agli 800 euro per due mensilità.

Arriveranno la prossima settimana, infine, le indicazioni pratiche per l'accesso alla finestra per la sanatoria di lavoratori irregolari che riguarda il settore agricolo e quello domestico. Il decreto fissa una finestra che parte dal primo giugno e finisce il 15 luglio nella quale si può far emergere contratti in nero e consentire un permesso temporaneo per un semestre. Il datore di lavoro dovrà pagare 500 euro ma anche un ulteriore versamento forfettario che sarà definito da un decreto interministeriale. I cittadini senza documenti dovranno comprovare la presenza in Italia l'8 marzo. Il meccanismo prevede una doppia domanda: del datore all'Inps e dal lavoratore alla questura (anche in questo caso con un importo da pagare) che rilascerà un permesso temporaneo di soggiorno di sei mesi.

Il decreto Rilancio, intanto, è appena approdato in Parlamento e alla Camera la prossima settimana sono previste le audizioni di rito, partendo da quella di martedì del ministro dell'Economia per proseguire con quelle delle parti sociali nei giorni successivi.
Ma già la macchina attuativa si è messa in movimento, proprio perché alcune misure sono direttamente auto-applicative, come lo stop per l'Irap per le imprese con fatturato fino a 250 milioni. Altre invece richiedono l'arrivo delle circolari che ne fisseranno tempi e modalità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook