Mercoledì, 12 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bonus bici, settimana decisiva per superare l'impasse
L'INCENTIVO

Bonus bici, settimana decisiva per superare l'impasse

Oltre 500 mila biciclette vendute, forse 600 mila: l'Italia ha riscoperto la passione per le due ruote sull'entusiasmo creato dal bonus bici. Bonus che finora rimane sulla carta visto che la piattaforma non è ancora attiva e quindi il rimborso promesso (oppure lo sconto nella seconda fase) non è ancora operativo.

Così iniziano a essere in tanti in attesa di questo incentivo alla mobilità sostenibile che dovrebbe rimborsare il 60% del costo dell'acquisto della bicicletta (ma non degli accessori) fino a un massimo di 500 euro. Ma secondo indiscrezioni questa potrebbe essere la settimana decisiva, superando l'impasse che pare sia dovuto al titolo di acquisto per ottenere il rimborso: fattura, scontrino parlante o semplice scontrino? Il problema sta nel fatto che questo aspetto non è stato chiarito sin da subito e chi ha comprato una bici all'inizio facendosi consegnare un semplice scontrino "non parlante" potrebbe rimanere escluso dagli incentivi.

“Gli incentivi - afferma Confindustria Ancam - hanno sicuramente rivitalizzato in modo significativoil mercato e le imprese del comparto stanno lavorando a pieno regime per rispondere, non senza qualche affanno, in modo adeguato alla crescente domanda che abbiamo registrato in queste settimane. Tuttavia cresconol’interesse e la domanda attorno alla bicicletta aprescindere dagli incentivi e come associazione chiediamo alle istituzionidi cogliere questa occasione per investire su un’infrastrutturazione ciclabile finalmente più capillare, sicura, equilibrata e rispettosa degli interessi di tutti gli utenti della strada. Allo stesso tempo monitoreremo la reale applicazione del bonus, affinché non sia per i consumatori e i rivenditori una corsa ad ostacoli o, peggio, contro il tempo”.

Nelle scorse settimane il Ministero dell'Ambiente aveva annunciato un ulteriore stanziamento al sostegno di 70 milioni, portando il totale a 190 milioni di euro, in modo da scongiurare eventuali click day. Sta di fatto che questo sistema - piattaforma o app - non è ancora pronto e contemporaneamente c'è il rischio che la somma stanziata non riesca a coprire la domanda.

Uno dei problemi di queste settimane collegato al bonus è stato la mancanza di bici nei negozi: sono andate letteralmente andate a ruba con un +60% rispetto allo stesso periodo del 2019. Il bonus vale anche per i mezzi già acquistati a partire dal 4 maggio 2020.

Il buono bici, senza rottamazione, è un contributo pari al 60% della spesa sostenuta, e comunque non superiore a 500 euro. Ci saranno due fasi: in una sarà il cliente ad essere rimborsato del 60% della spesa; nella seconda, il cittadino paga al negoziante aderente direttamente il 40%, e sarà il negozio a ricevere il rimborso del 60%.

Il buono può essere fruito utilizzando una specifica applicazione web che è in via di predisposizione e che sarà accessibile, anche dal sito istituzionale del ministero dell’Ambiente, entro sessanta giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale attuativo del Programma buono mobilità. Per accedere all’applicazione è necessario disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Possono usufruire del buono bici per l’anno 2020 i maggiorenni che hanno la residenza nei capoluoghi di Regione e di Provincia anche sotto i 50.000 abitanti, nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti).
 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook