Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Manovra: assegno unico fino a 200 euro a figlio, ma è caos sul superbonus al 110%
GOVERNO

Manovra: assegno unico fino a 200 euro a figlio, ma è caos sul superbonus al 110%

assegno unico universale, manovra, Giuseppe Conte, Roberto Gualtieri, Sicilia, Economia
Roberto Gualtieri

Restituire "fiducia" a un paese prostrato dalla crisi del Coronavirus, e dare slancio a una ripresa che rimane a portata di mano nonostante la nuova impennata dei contagi. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con accanto il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, manda un messaggio rassicurante, a due giorni dal varo di una legge di Bilancio che stanzia "risorse significative, nonostante il contesto difficile che stiamo attraversando".

Una manovra che "non aumenta le tasse" e, anzi, pone le basi per la riforma del fisco, su cui si comincerà a lavorare "da subito", con "il primo tassello" dell'assegno unico per i figli. L'assegno arriverà "fino a 200 euro a figlio", annuncia il ministro dell'Economia, spiegando che per il 2021 il governo sta dispiegando "70 miliardi per la ripresa" tra i 39-40 della manovra e i 31 lasciati in eredità dai decreti per l'emergenza, dal Cura Italia fino al decreto agosto.

La parte del leone, in questo caso, la fa la sterilizzazione definitiva delle clausole di salvaguardia Iva, per 19 miliardi, mentre altri 12 sostengono alcuni degli interventi lanciati quest'anno e che proseguiranno il prossimo, come il piano cashless - pronto a partire da dicembre, con un primo rimborso a febbraio sulle spese di Natale - o il superbonus al 110%.

Proprio sull'incentivo alle ristrutturazioni green, nelle stesse ore, scoppia il caos: "E' folle non estendere il superbonus", tuonano i parlamentari M5S. "E' una rivoluzione, è impensabile non darle gambe prolungandola almeno per tre anni". L'agitazione dei cinque stelle è motivata dalle tabelle contenute nel Documento programmatico di Bilancio che il governo ha inviato a Bruxelles per un primo esame della manovra "a fine mese", come ha ricordato il commissario Paolo Gentiloni: nel Dpb compare la proroga di vari bonus edilizi, dall'ecobonus al bonus facciate, ma non del 110%.

In sostanza la misura, che è comunque già finanziata per i lavori avviati fino a dicembre 2021, al momento non sarà prorogata con la legge di Bilancio perché, è la spiegazione che si affrettano a dare dal governo, arriverà "con i fondi del Recovery Plan". La decisione, assicurano dal Mef, è già stata presa, si tratta solo di attendere quindi "l'allocazione delle risorse" europee.

Intanto nei prossimi giorni prenderà forma un nuovo "decreto novembre", che sfrutterà, ha spiegato Gualtieri, "le risorse residue" dei 100 miliardi di stanziamenti di emergenza per il 2020. Le "quantificazioni sono ancora in corso" ma i fondi serviranno sia per una nuova tranche di aiuti ai settori più colpiti dalla pandemia, a partire da turismo e ristorazione, sia per la proroga della Cig Covid fino alla fine dell'anno, in attesa di un nuovo ciclo di cassa integrazione a inizio 2021 finanziato con 5 miliardi in manovra.

Insieme agli ammortizzatori di emergenza sarà prorogato anche "il blocco dei licenziamenti: stiamo valutando insieme ai sindacati (un nuovo incontro è previsto per mercoledì, ndr) delle modalità per garantire anche nella fase di emergenza una adeguata tutela. In ogni caso tutte le imprese che useranno la cassa covid non potranno licenziare". Il governo, affonda il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, parla con i sindacati e "forse ha dimenticato che esistono le imprese, e forse sarebbe bene confrontarsi con loro". Per il leader degli industriali "siamo ancora in fase di emergenza, non di ripartenza" e una riforma del fisco non si deve limitare "alla sola revisione dell'Irpef" ma essere "complessiva" e pensata "come leva di sviluppo".

Proprio a una riforma "organica, non aggiustamenti marginali", dice Conte, sta già lavorando l'esecutivo, che si affiderà a una delega per per rivedere anche riscossione, contenzioso tributario, per riformare il processo tributario e "anche per la riforma delle aliquote". Modello tedesco o altro, ha aggiunto il ministro dell'Economia, l'importante è ottenere un calo delle tasse, per cui in manovra è già appostata una dote da 8 miliardi complessivi, di cui circa 6 destinati però all'assegno unico. Per la nuova Irpef ci saranno però anche le risorse che arriveranno "dalla lotta all'evasione e dall'emersione del lavoro nero" con l'obiettivo, ribadisce il premier, di "pagare tutti perché tutti possiamo pagare meno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook