Sabato, 24 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Riscossione Sicilia e comuni in dissesto, la Corte dei conti denuncia "irregolarità e distrazioni"
RENDICONTO 2019

Riscossione Sicilia e comuni in dissesto, la Corte dei conti denuncia "irregolarità e distrazioni"

Il procuratore generale Corte dei Conti, Pino Zingale, ha preannunciato una denuncia alla Procura penale «per irregolarità e distrazione nella gestione di somme riscosse da Riscossione Sicilia
Sicilia, Economia
Il richiamo della Corte dei Conti

"Il Governo regionale non chiede prebende o regalie, ma le risposte per garantire le risorse delle funzioni attribuite dallo Statuto e i livelli essenziali delle prestazioni che sono costituzionalmente riconosciuti, obiettivi questi che con attuale gettito diventano irraggiungibili". Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, intervenendo alla cerimonia di parifica del Rendiconto della Regione per il 2019 davanti alle sezioni riunite della Corte dei Conti, a Palermo. Ho chiesto un incontro al Presidente del Consiglio, ha aggiunto "serve ridefinire urgentemente gli accordi finanziari riconoscendo alla mia regione quanto necessario a garantire i diritti di cittadinanza".

Durante la requisitoria sul rendiconto della Regione per il 2019, il procuratore generale Corte dei Conti, Pino Zingale, ha preannunciato una denuncia alla Procura penale «per irregolarità e distrazione nella gestione di somme riscosse da Riscossione Sicilia».«Ad ulteriore e autorevolissima conferma della gravità della situazione finanziaria dei Comuni siciliani a causa della legislazione nazionale e regionale e di una catastrofica gestione di Riscossione Sicilia, che produce effetti devastanti sui bilanci di tutti i Comuni siciliani» aggiunge Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia dopo che il Procuratore generale Corte dei conti, in sede di parifica del rendiconto 2019 della Regione, ha preannunciato una denuncia alla Procura penale per irregolarità e distrazione nella gestione di somme riscosse da Riscossione Sicilia. Nel rendiconto è evidenziato il collegamento tra stato di stagnazione economica della Sicilia, che si è aggravato e le gravissime criticità finanziarie dei Comuni siciliani (un terzo della popolazione siciliana vive in Comuni in dissesto di predissesto) e la grave criticità del sistema di riscossione in Sicilia che produce effetti determinanti sul numero di Comuni in dissesto in continuo aumento, dice Anci Sicilia.

Sono "numerose le criticità" emerse, anche nella gestione delle entrate da parte di Riscossione Sicilia, evidenziate nella requisitoria del pubblico ministero presidente Pino Zingale, illustrata nel corso dell’udienza di parifica per il rendiconto 2019 della Regione siciliana, tanto che il magistrato contabile ha segnalato la questione alla Procura della Repubblica per verificare se non esistano profili penali oltre che contabili sul mancato versamento di 110 milioni di euro.

I rilievi della Corte dei Conti, ampi e pesanti, mettono profondamente in discussione l’affidabilità del governo regionale. Adesso, a questo punto della legislatura, è difficile recuperare. In mezzo alle macerie si sta entrando in un clima di campagna elettorale e non c'è a benchè minima volontà di affrontare i problemi della nostra regione". Così Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, che commentando il giudizio di parifica del rendiconto 2019 della Regione aggiunge: "La situazione contabile che emerge dai rilievi del pm Zingale - ha aggiunto - non è che il completamento di un bilancio fallimentare di questa legislatura. Come sindacato non possiamo tollerare che tutto questo si scarichi sui lavoratori e sulle fasce deboli. Metteremo campo tutte le iniziative a tutela dei nostri iscritti per evitare che si riversino su di loro i più pesanti effetti dell’inerzia del governo Musumeci".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook