Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Mediaset trasferisce la sede legale ad Amsterdam e diventa società di diritto olandese
LA SVOLTA

Mediaset trasferisce la sede legale ad Amsterdam e diventa società di diritto olandese

Mediaset trasloca ad Amsterdam e da Spa diventa società di diritto olandese. Con la stipula dell’atto notarile olandese si è perfezionato il trasferimento della sede legale, è così efficace il nuovo statuto e la denominazione diventa Mediaset N.V e secondo la normativa dei Paesi Bassi, che stabilisce che una società quotata debba dichiarare, lo "Stato membro d’origine". La mossa, dopo che il progetto MediasetForEuropa è tramontato per la guerra fatta da Vivendi, ora che col socio francese la pace è stata raggiunta, rappresenta una base per l’espansione internazionale del gruppo televisivo della famiglia Berlusconi. Per partecipare al consolidamento con altri broadcaster europei è infatti considerata più adatta una società di diritto olandese piuttosto che una soggetta al diritto italiano. Poco cambia sotto altri aspetti.

Mediaset mantiene la residenza fiscale in Italia, dove continuerà a pagare le tasse, e rimane nella Penisola l’amministrazione centrale. Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri sono stati confermati rispettivamente ceo e presidente della società olandese, cui fanno capo, come avveniva prima con Mediaset Spa, le attività in Italia, la partecipazione di controllo di Mediaset Espana e la quota nella tedesca Prosieben. "Abbiamo la quota di controllo in Spagna e siamo il maggior socio in Prosieben. Siamo ben posizionati per avere un ruolo nel consolidamento», ha detto nei giorni scorsi, alla presentazione della semestrale, il cfo di Mediaset, Marco Giordani. Anche dopo il passaggio della capogruppo ad Amsterdam le azioni continueranno ad essere negoziate sul mercato di Borsa Italiana con la sola differenza che da lunedì prossimo, 20 settembre, avranno un nuovo codice Isin (NL0015000H23) ma senza che sia necessario alcun adempimento da parte degli azionisti, grandi e piccoli. Riguardo poi a Vivendi, i patti raggiunti prevedono che nell’arco di cinque anni il gruppo che fa capo a Vincent Bolloré esca, o riduca quasi del tutto, anche la quota in mano Simon Fiduciaria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook