Domenica, 29 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia I tempi stretti della manovra: sotto Natale alla Camera, il 27 dicembre al Senato
IL TIMING

I tempi stretti della manovra: sotto Natale alla Camera, il 27 dicembre al Senato

Con il deposito alla Camera del testo della manovra economica, dopo che è stata bollinata dalla Ragioneria di Stato e firmata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si apre l’iter parlamentare per l’approvazione del documento di programmazione economica. Mancherebbe però ancora, a quanto filtra, l’assegnazione in Commissione. I tempi sono serrati, la finanziaria va approvata in Parlamento entro fine anno, nel corso di un mese costellato dalle festività natalizie, per evitare che scatti l’esercizio provvisorio. Ci sono meno di cinque settimane a disposizione. Ecco allora che dalla maggioranza di centrodestra arriva un invito a limitare il numero degli emendamenti nel corso della discussione in Aula, che partirà dalla Camera.

Il timing della manovra

Le audizioni partiranno venerdì 2 dicembre con il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, che verrà ascoltato dalle Commissioni bilancio congiunte di Camera e Senato. Il termine per la presentazione degli emendamenti è stato fissato al 7 dicembre alle 16:30, con domenica 11 come limite ultimo per la selezione dei segnalati. Non c'è accordo però tra gli schieramenti sul numero degli emendamenti segnalati: la maggioranza punterebbe a contenerli a 400, ovvero uno per ciascun deputato, una parte dell’opposizione si sarebbe detta maggiormente disposta al dialogo, mentre il Pd ha preannunciato che chiederà di discutere tutti i testi depositati. Il calendario provvisorio prevede che il testo potrebbe approdare nell’aula di Montecitorio il 19/20 dicembre per essere poi discusso e approvato nel corso della settimana che conduce a Natale. L’esame in Senato invece partirà presumibilmente il 27 dicembre ha reso noto oggi il presidente Ignazio La Russa.

Nel testo figurano poi provvedimenti su fisco, welfare, infrastrutture ed enti locali. Si va dai 50 milioni la riattivazione della società per la progettazione del ponte sullo Stretto allo stanziamento da 500 milioni per creare una card con cui le persone a basso reddito possano usufruire di sconti su prodotti alimentari. C'è anche la tassa sugli extraprofitti delle società energetiche, da cui il governo stima di raccogliere circa 2,5 miliardi. Nell’ultima versione del testo sono stati aggiunti 18 articoli rispetto alla bozza in circolazione fino a ieri sera, tra cui gli stati di previsione dei singoli ministeri, un fondo per dare corpo alla strategia nazionale sulla cybersecurity, con 80 milioni di euro per il 2023.

Dopo le reiterate richieste del sindaco Roberto Gualtieri è stato aggiunto anche un paragrafo al fondo sul trasporto pubblico locale che mette a disposizione 2,2 miliardi di euro - spalmati con un finanziamento in crescendo fino al 2032 - per il completamento della metro C di Roma. L’opera, in costruzione dal 2007, è entrata in servizio progressivamente a partire dal 2014 e oggi conta 22 fermate più 2 in costruzione. I fondi stanziati in manovra servono per completare la tratta fino a piazza Venezia e a progettare e realizzare la parte finale del tracciato fino alla Farnesina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook