Sabato, 31 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Editoriali

Home Editoriali Brindano in molti ma c’è anche qualche allegro ma non troppo
L'ANALISI

Brindano in molti ma c’è anche qualche allegro ma non troppo

di

Possono tirare un sospiro di sollievo, i pentastellati. E raccontare che il successo del «Sì» al referendum sul taglio dei parlamentari suggella l’immarcescibile vicinanza del “popolo” al Movimento, a dispetto di chi lo voleva bell’e sepolto.

La sforbiciata nelle due Camere – poco importa se avallata, basta far finta di dimenticarlo, dalle destre populiste – è stata perseguita soprattutto da Di Maio & Co, che ne hanno fatto, da tempi non sospetti, il fulgido vessillo del cambiamento. Certo, in tempi come gli attuali, in cui i consensi alle liste (post)grilline sono in picchia- ta e c’è un problema di leadership, il referendum ha oscurato, in parte, il crollo di credibilità dei 5S in tutto il Paese.

Il Pd può, persino, rallegrarsi: aveva dato, tra i mal di pancia di mezzo partito, il suo «Sì» ufficiale al quesito referendario, mossa tesa a salvaguardare la stabilità del governo, e il dato finale conforta la sofferta scelta di campo. Inoltre, e soprattutto, ha confermato – alle Regionali – la Toscana (roccaforte che era stata considerata a rischio), la Puglia (anche in questo caso s’erano temute insidie) e la Campania (unica “oasi” sicura, con Vincenzo De Luca superstar). Complessivamente un risultato che i democrats avrebbero sotto- scritto a occhi chiusi prima del voto.

Il centrodestra riflette. Si aspettava di più, ma conferma Veneto e Liguria, e conquista le Marche: ora, come ripete Matteo Salvini, governa «in 15 regioni su 20» (in realtà 14, ma dovrebbe aggiungersi la Val d’Aosta – oggi lo spoglio –, dove il governatore viene eletto dal Consiglio regionale).

L’unico a essere messo maluccio è proprio Salvini. Alla Lega non è andata granché bene. E la Meloni incalza, e FI tiene. Sul collo di Salvini, adesso, il fiato di Luca Zaia che in Veneto ha fatto il botto e in molti vorrebbero alla guida del Carroccio.

Può dormire sonni più tranquilli Giuseppe Conte. S’era tenuto defilato e non aveva legato la vita del governo all’esito del referendum, ma sapeva che le destre – non a caso, a costo dell’incoerenza, tentate dal «No» – avrebbero provato a dargli una spalla- ta se il «Sì» non ce l’avesse fatta.

E gli italiani? Con il referendum hanno vinto, gli italiani? Urge, al di là delle opinioni, una riforma complessiva. E serve una nuova legge elettorale.

Che dire? Siamo cautamente scet- tici. Sappiamo ancora pochissimo del «calcio liquido» di Andrea Pirlo, molto già sappiamo – invece – della nostra politica gassosa.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook