Sabato, 28 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Editoriali

Home Editoriali Il Cav in “melina”, Salvini pressa, centrosinistra in contropiede
DIARIO QUIRINALE

Il Cav in “melina”, Salvini pressa, centrosinistra in contropiede

di
presidente della repubblica, giorgia meloni, pierferdinando casini, silvio berlusconi, Sicilia, Editoriali
Silvio Berlusconi

Berlusconi non è uomo che in vita sua ha mai fatto un passo indietro o di lato. E non lo farà neanche adesso, a meno che i numeri non lo costringeranno a rimodulare gli obiettivi. E questo potrebbe avvenire anche dopo il quarto o quinto scrutinio. E se avrà una chance se la giocherà fino in fondo. Sta ancora facendo di conto ed è per questa ragione che ha fatto slittare il vertice del centrodestra. Salvini, che non vuol perdere la scena, malcela fastidio e lascia trapelare che potrebbe essere lui a sciogliere la riserva molto presto, gettando sul tavolo il nome di Elisabetta Casellati, cui il Cavaliere farebbe fatica a dire di no. Ma non lo farà, perché sarebbe letta ad Arcore come una imperdonabile fuga in avanti. Giorgia Meloni sta alla finestra e nella riffa delle ipotesi adombra la candidatura di un “esponente d’area culturale”: vedi un po’, deve aver pensato Silvio. Che, al di là dei rumors più pessimistici, non vede altro piano che non sia quello che porti al suo nome. E se proprio dovrà rinunciarci, è più che probabile che proponga un bis temporaneo a Mattarella, lasciando Draghi a Palazzo Chigi nella speranza di ritentare l’assalto al Quirinale tra un anno e mezzo.
Nel centrosinistra si comincia a far quadrato e non si immagina altra strada che non sia quella che porta a Draghi: nome da maneggiare con cautela in questa fase. La convergenza sul premier è generale, ma guai a sbagliare i tempi. In subordine, tra tutti gli assi nel mazzo del centrodestra, non sarebbe sgradita l’indicazione di Pierferdinando Casini, che come centrista ha preso e può continuare a prendere la forma dell’acqua.
In questo schieramento l’incognita più politicamente inquietante è rappresentata dallo scalcinato esercito dei parlamentari Cinque stelle: sono 232 ma né ConteDi Maio sanno quanti ne controllano. L’unico aspetto di cui si preoccupano, questi Grandi elettori che talora appaiono come protagonisti casuali della storia d’Italia, è portare a compimento la legislatura. In realtà un nome di bandiera lo hanno già: Paolo Maddalena, da sventolare nei primi tre scrutini.
Il campo è ancora occupato da troppe incognite, ma di sabbia nelle clessidra ve ne è sempre meno. E le prime maschere dovranno essere presto dismesse.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook