Mercoledì, 19 Settembre 2018

Il Giro si tinge d'Europa alla scoperta uso fondi Ue

BRUXELLES - Dopo le tappe iniziali in Israele, da domani il Giro d'Italia si tinge dei colori dell'Europa. Alla vigilia della Festa dell'Ue, che ogni 9 maggio celebra il discorso in cui nel 1950 Robert Schuman parlò per la prima volta di Europa, parte il viaggio della rappresentanza in Italia della Commissione Ue alla scoperta dei progetti e dei siti valorizzati grazie all'Ue.

 

 

La carovana del Giro sarà affiancata da un camper blu a stelle gialle, che avrà il compito d'informare i cittadini sulle politiche europee, dalla salute all'ambiente. E non potrebbe esserci luogo più simbolico della Sicilia per far partire l'iniziativa, visto che è durante la conferenza di Messina del 1955 che si gettarono le basi della Comunità economica europea, embrione dell'odierna Ue.

 

 

Il passaggio del Giro sarà quindi l'occasione per scoprire come i fondi Ue siano stati investiti, ad esempio, nell'ospedale San Marco di Catania o nel restauro della Valle dei Templi di Agrigento. Non solo, grazie all'Unione, 67 prodotti siciliani, dall'olio extravergine all'arancia di Ribera, hanno ottenuto il marchio Dop, Igp o Stg, che permette di proteggerne l'autenticità.

 

 

Tornato sulla terraferma l'11 maggio, il Giro passerà da Pizzo calabro, dove l'Ue ha finanziato la messa in sicurezza di tratti del litorale, e da Maratea, dove partì il film del regista Rocco Papaleo 'Basilicata coast to coast', anch'esso sostenuto dai fondi europei. Poi Pompei, che ha ricevuto 78 milioni di euro dall'Unione per interventi di conservazione, e gli Appennini, dove stanno arrivando 1,2 miliardi di euro stanziati dall'Ue per ricostruire le zone terremotate.

 

Le 18 tappe del Giro saranno l'occasione per scoprire Pesaro, città europea dello sport 2017, Faenza, (dove l'Ue ha aiutato a riqualificare le piazze centrali), ma anche i 26 siti protetti Natura 2000 presenti in Veneto o le vie di pellegrinaggio in Friuli Venezia Giulia, alle quali il programma interregionale Italia-Austria ha dato nuova vita.

 

A Pieve Tesino, nel Trentino che ospiterà il Giro dal 21 al 23 maggio, c'è invece il museo Casa De Gasperi, primo sito italiano con il 'Marchio del patrimonio europeo'. Dal 24 maggio i ciclisti passeranno all'ombra dei castelli di Vigevano e Casale Monferrato, così come della Reggia di Venaria, tutti restaurati grazie ai fondi Ue, per poi concludere in volata a Roma, dove si trova Palazzo Campanari, sede delle rappresentanze in Italia di Commissione e Parlamento Ue. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook