Lunedì, 24 Settembre 2018

Passo avanti al Parlamento Ue per rafforzare democrazia partecipativa

Sicilia, Mondo

BRUXELLES - Passo avanti verso la riforma del regolamento che permette ai cittadini europei di presentare proposte normative direttamente alla Commissione Ue, a fronte della raccolta di un milione di firme in almeno 7 Paesi, il cosiddetto Ice. Il Parlamento europeo ha approvato il mandato per dare avvio ai negoziati sulla semplificazione delle procedure di raccolta delle firme poiché dal 2012, cioè da quando è in vigore questo strumento che somiglia alla 'proposta di legge di iniziativa popolare' italiana, poche 'iniziative' hanno completato l'iter.

 

La proposta di riforma prevede in particolare di abbassare da 18 a 16 anni il limite di età per poter sottoscrivere la proposta di legge, e chiede alla Commissione Ue di creare un registro online con le informazioni aggiornate sulle iniziative in corso. Inoltre l'esecutivo Ue è chiamato a mettere a disposizione gratuitamente un servizio centralizzato online per la raccolta delle firme entro il 2020 e a ridurre la quantità di dati necessari per convalidare le firme, ammettendo solo un formulario elettronico o cartaceo. Agli Stati membri si chiede di istituire degli uffici che possano fornire informazioni legali ai potenziali organizzatori. Dal 2012 circa 9 milioni di cittadini hanno sottoscritto delle proposte di legge, in quattro casi è stata completata la procedura e solo in uno, quello del 'Right2Water' la Commissione ha presentato una proposta di riforma sulla Direttiva Acqua potabile.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X