Giovedì, 24 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Cuba, eliminate le unioni gay dalla bozza di nuova Costituzione
LEGGI

Cuba, eliminate le unioni gay dalla bozza di nuova Costituzione

La Commissione parlamentare che elabora la bozza della nuova Costituzione cubana ha eliminato un
nuovo articolo che apriva la porta alle nozze gay, prendendo atto di un forte resistenza a questa opportunità da parte di ampi settori della società.

Per cui, riferisce oggi l’agenzia di stampa Prensa latina e riporta l'Ansa, "il polemico articolo 68», che proponeva un cambiamento della istituzione del matrimonio definendolo «unione fra due persone», invece che «unione fra un uomo ed una donna» come previsto dall’attuale Costituzione, è stato cancellato, lasciando spazio solo ad un capitolo che definisce la famiglia.

Il segretario del Consiglio di Stato, Homero Acosta, ha spiegato che si è deciso di «rimandare la definizione del concetto di matrimonio. In altri termini, che esso sia eliminato dal progetto di Costituzione, come maniera di rispettare tutte le opinioni. Il matrimonio è una istituzione sociale e giuridica. La legge definirà successivamente il resto dei suoi elementi».

«Si dovrà stabilire come si costituisce il matrimonio, chi ne sono i soggetti, quali saranno i loro obblighi, e quali i requisiti. Abbiamo dovuto agire così - ha concluso - perché solo in questo modo potevamo tenere conto delle più diverse opinioni espresse nel processo di consultazione popolare realizzato fra il 13 agosto e il 15 novembre».

Al riguardo Prensa latina ha indicato che delle 192.000 opinioni manifestate sull'articolo 68, ben 176.000 chiedevano che si mantenesse quanto previsto dall’attuale Costituzione, ossia del matrimonio come unione di un uomo ed una donna. La possibilità di introdurre il matrimonio gay era stata appoggiata dai vertici del Partito comunista e dallo stesso presidente Miguel Díaz-Canel.

Inoltre la Commissione che si sta occupando della riforma costituzionale è guidata da Raúl Castro, la cui figlia, Mariela, è membro del parlamento e direttrice del Centro nazionale di educazione sessuale di Cuba (Cenesex). Da anni Mariela si batte per i diritti degli omosessuali e della popolazione Lgbt, e la proposta dell’articolo 68 per la nuova Costituzione era il risultato di questo suo impegno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook