Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Francia, Twitter rifiuta la campagna pro-voto alle europee del ministero
RISCHIO FAKE NEWS

Francia, Twitter rifiuta la campagna pro-voto alle europee del ministero

Una campagna del ministero dell’Interno che invitava a votare alle elezioni europee è stata rifiutata da Twitter. Questo perchè rischierebbe di infrangere la nuova legge contro le fake news. Coordinata dal Servizio d’informazioni del governo (Sig), la campagna «#Ouijevote» (sì, io voto) era stata lanciata per incitare i cittadini a iscriversi alle liste elettorali in vista del voto del 26 maggio.

Promulgata il 22 dicembre, la legge «sulla manipolazione delle informazioni», voluta da Emmanuel Macron e adottata dal Parlamento in autunno, richiede alle principali piattaforme digitali (Google, Facebook, Twitter) di fornire le informazioni sugli annunci politici pubblicate a pagamento al fine di evitare manipolazioni e interferenze elettorali.

Se Google e Facebook hanno preso accordi in tal senso, «oggi Twitter non sa ancora come procedere, decidendo quindi di tagliare qualsivoglia campagna di natura politica», spiegano i responsabili del Servizio d’informazioni del governo. Secondo la legge francese, è obbligatorio rendere pubblico l’importo pagato per i messaggi elettorali e mettere a disposizione degli elettori un registro online con informazioni sull'identità dei promotori di tali annunci.

La nuova legge permette anche ad un candidato o a un partito di rivolgersi al giudice per fermare nei tre mesi precedenti l’apertura delle urne la diffusione di fake news, considerando tra queste «la diffusione di accuse inesatte o fuorvianti» oppure «l'alterazione di dati di fatto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook