Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Elezioni in Spagna, vincono i socialisti del premier uscente Sanchez
IL VOTO

Elezioni in Spagna, vincono i socialisti del premier uscente Sanchez

elezioni spagna, socialisti spagna, Sicilia, Mondo
Pedro Sanchez

In Spagna, i socialisti del premier uscente Pedro Sanchez vincono le elezioni e, dinanzi alla deblacle dei Popolari (al minimo storico), sono a un soffio da un governo senza i secessionisti.

Il partito socialista del Psoe ha ottenuto il 28,7% dei voti e 123 seggi e ha vinto in tutte le regioni ad eccezione di Catalogna, Navarra e dei Paesi Baschi, e in 41 delle 52 province. Sanchez ha tinto di rosso la mappa della Spagna e la sua schiacciante vittoria, 57 seggi sopra i Popolari, gli assegna indiscutibilmente la capacità di formare un nuovo governo, senza rimanere vincolati dalle richieste secessioniste.

Per essere investito e guidare un governo di minoranza, al candidato socialista basta l’appoggio di Unidos Podemos, del partito nazionalista basco (Pnv) e l’astensione di Erc, la sinistra repubblicana catalana, che aveva fatto cadere il suo esecutivo, negandogli il sostegno alla legge di bilancio (una sorta di riedizione, dunque, del blocco che aveva defenestrato Mariano Rajoy dalla Moncloa con la mozione di sfiducia).

Sanchez potrebbe anche tentare un negoziato con i Ciudadanos di Albert Rivera, cosa che piacerebbe ai mercati, ma non a chi l’ha votato se è vero che, aspettando i risultati al quarto piano della sede del partito di Ferraz, si è sentito scandire dai suoi sostenitori la linea rossa. «Con Rivera, no!». Sanchez ha già chiarito ("Credo che sia abbastanza chiaro, no?"), che tenderà la mano «a tutte le formazioni dentro la Costituzione», ma lo farà «dalle idee di sinistra» e «posizioni progressiste».

Comunque i 158 deputati che formano il blocco di (Psoe e Unidos Podemos) contro i 147 del blocco di destra (PP, Cs e Vox) gli spianano la strada. Resta da vedere se i socialisti aspetteranno, per iniziare i negoziati, le municipali e regionale del 26 maggio, e le europee, in maniera da non scontentare nessuno.

Da registrare il risultato negativo del partito di Pablo Iglesias: il 14,3% , 42 seggi, 29 in meno. Anche il partito della destra radicale, Vox, non ha ottenuto il risultato spettacolare che prevedevano molti sondaggi ma è riuscito ad entrare nel Congresso con un 10,26% e 24 seggi. Un risultato che ha affondato i Popolari, che hanno praticamente perso la metà della rappresentanza parlamentare.

In terra catalana, come previsto dai sondaggi, Erc è riuscito a imporsi con tutta la forza: il partito di Oriol Junqueras, a processo per il tentativo secessionista, ha ottenuto il 3,9% dei voti che gli permette di tornare al Congresso con 15 deputati (contro i nove nella scorsa legislatura). La sorpresa è arrivata da JxCAT , la formazione controllata a distanza dall’ex presidente in esilio, Carles Puigdemont: i sondaggi prevedevano un risultato disastroso che non gli avrebbe nemmeno permesso di formare un gruppo parlamentare e non è stato così: hanno perso solo un seggio e avranno sette deputati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook