Sabato, 21 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
A ULYANOVSK

Russia, 16enne massacra la famiglia con un'ascia e si getta da una torre

Un ragazzino di 16 anni ha massacrato la sua famiglia con un’accetta e poi si è suicidato: lo riporta Russia Today, secondo cui la tragedia è avvenuta ieri in un villaggio della regione russa di Ulyanovsk, nella zona del Volga. Il ragazzo ha ucciso cinque persone: la madre, la sorella, il fratellino di quattro anni e i nonni. Poi, stando alle prime ricostruzioni, si sarebbe arrampicato su una torre per telecomunicazioni e si sarebbe gettato di sotto.

Secondo una fonte sentita dall’agenzia Interfax, l’adolescente avrebbe lasciato una nota in cui scriveva: «Ho deciso di lasciare questa vita e per non far stare male i miei familiari ho deciso di prenderli con me». Il ragazzo, descritto come uno studente modello, aveva però prima mandato un messaggio vocale a un amico lamentandosi per «il continuo conflitto» con sua madre, sua sorella e suo fratello.

I corpi senza vita sono stati trovati nell’abitazione dai vicini, che si erano preoccupati perché quel giorno non avevano visto i nonni del ragazzo nell’orto che coltivavano con cura. Secondo la testata Komsomolskaya Pravda, il 16enne non incontrava spesso il padre, che si era separato dalla madre e in passato aveva fatto abuso di alcol. I due bambini uccisi dall’adolescente erano il fratellastro e la sorellastra del ragazzo: due gemellini di appena quattro anni. Anche il padre dei due piccoli non viveva con la famiglia.

Stando a fonti nel Comitato Investigativo sentite dall’agenzia Ria Novosti, è possibile che il ragazzo che ha fatto strage dei suoi familiari soffrisse di schizofrenia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook