Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
STRANGOLATA

India, giovane ragazza rifiuta un matrimonio combinato: uccisa dal padre

La Polizia di New Delhi ha arrestato ieri un uomo, accusandolo di avere ucciso la figlia Sheetal, di diciannove anni, perché si era ribellata a un matrimonio combinato in quanto innamorata di un uomo appartenente ad un'altra casta. L'uomo, 50 anni, è finito in manette dopo 45 giorni di inchiesta sulla morte della ragazza, avvenuta lo scorso 23 luglio.

Un'agente di polizia si era insospettita su quella morte, dopo aver saputo che il corpo di una ragazza sarebbe stato
cremato in una cerimonia frettolosa, alla quale partecipavano solo il padre e quattro altri uomini, e aveva impedito la
cremazione, pochi minuti prima dell'accensione del rogo.

Il quotidiano Hinustan Times ricostruisce come la polizia è giunta all'accusa assemblando, una dopo l'altra, una serie di prove: l'autopsia, che ha mostrato che Sheetal era stata strangolata; il fatto nessun medico fosse stato chiamato in soccorso dalla famiglia, anche se i parenti affermano che la ragazza si era sentita male in casa; il racconto, infine, della madre, Tara, che ha rivelato che Sheetal si era rifiutata di sposare l'uomo scelto dai genitori, e aveva mandato tutto a monte.

"Aveva portato a casa nostra l'uomo che diceva di amare, ma lui è di un'altra casta, e noi l'abbiamo cacciato via", ha detto la madre alla Polizia. "Eravamo offesi dalla cancellazione del matrimonio, e dalla scelta di Sheetal, ma non credo che mio marito possa averla uccisa", ha detto ancora la madre. Gli inquirenti, evidentemente, non la pensano così.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook