Lunedì, 25 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Allarme Coronavirus in Africa, crescita esponenziale dei contagi con oltre 10mila casi
OMS

Allarme Coronavirus in Africa, crescita esponenziale dei contagi con oltre 10mila casi

Una crescita «esponenziale» di contagi da Covid-19 nelle ultime settimane, con oltre 10mila casi ufficiali e 500 morti. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lancia l’allarme per l’Africa, un continente dove il nuovo coronavirus sta già portando danni enormi a fronte di Paesi non preparati e non attrezzati contro una simile emergenza.

Se il virus «è stato lento nel raggiungere il continente rispetto ad altre parti del mondo - avverte l’Oms - l’infezione è cresciuta esponenzialmente nelle ultime settimane e continua a diffondersi». Il SarsCov2 ha raggiunto il continente africano attraverso viaggiatori di ritorno provenienti da Asia, Europa e Stati Uniti. Il primo caso di Covid è stato registrato in Egitto il 14 febbraio. Da allora, un totale di 52 Paesi africani ha riportato casi.

Ma se inizialmente i contagi erano circoscritti principalmente nelle capitali e grandi città, «un significativo numero di Paesi sta ora segnalando casi in molte province». L'Oms esprime quindi «preoccupazione» per l’impatto della pandemia su Paesi con «sistemi sanitari fragili» e che vivono «emergenze complesse». Per questo, è il monito, «la comunità internazionale dovrebbe estendere a questi Paesi un supporto tecnico e finanziario, per migliorare le capacità di risposta e minimizzare la diffusione dell’epidemia».

L’Oms ricorda quindi il proprio impegno in Africa per fornire dispositivi essenziali, addestrare gli operatori sanitari e predisporre piani di indirizzo rispetto alla «sfida» preoccupante dei contesti locali. La situazione in Africa «è molto preoccupante - afferma Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute e rappresentante per l’Italia all’Oms - perchè la capacità di riposta di questi Paesi è molto ridotta. Purtroppo prevedo ci sarà una escalation massiccia dei casi, siamo solo al'inizio. Potremo solo mitigare gli effetti e poi sperare in un’accelerazione per il vaccino, unica vera arma».

Inoltre, dal momento che «è impossibile azzerare i flussi migratori, sarà necessario, tanto più in questo contesto di pandemia, una politica di gestione degli arrivi coordinata a livello europeo». Parla di «bomba ad orologeria» ed «enorme polveriera» il virologo dell’Università di Milano Fabrizio Pregliasco: «I numeri sono certamente sottostimati e l’Africa rappresenta un rischio anche per i 'casi di ritorno', che - avverte - potrebbero innescare nuovamente la catena del contagio nonostante le misure restrittive in atto nei Paesi europei».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook