Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Coronavirus, oltre 22mila morti negli Usa: in Cina 108 nuovi casi importati
WASHINGTON

Coronavirus, oltre 22mila morti negli Usa: in Cina 108 nuovi casi importati

Gli Stati Uniti superano quota 22.000 morti per coronavirus: i decessi sono esattamente 22.020, su 555.313 casi. Secondo i dati dell'università Johns Hopkins, sono stati 1.514 i morti nelle ultime 24 ore.

Una strategia efficace per battere il coronavirus è la risposta per riaprire l'economia. Joe Biden, l'ex vice presidente candidato alla Casa Bianca, illustra in un editoriale sul New York Times il suo piano per riaprire l'America. Un piano in tre punti. "Primo, dobbiamo far calare in modo significativo il numero dei casi. Questo vuol dire che il distanziamento sociale deve continuare e che le persone che lavorano in prima fila devono avere le apparecchiature di cui hanno bisogno", mette in evidenza Biden. "Secondo, c'è bisogno di test diffusi, disponibili e facili, ma anche di una strategia di tracciamento che tuteli la privacy. Terzo, dobbiamo essere sicuri che gli ospedali siano attrezzati per il riemergere del virus che potrebbe verificarsi quando l'attività economica inizierà a crescere", aggiunge Biden. "Dobbiamo smetterla di pensare che la risposta economica e quella sanitaria sono separate", osserva Biden.

La Cina ha registrato domenica 108 nuovi casi di infezioni da coronavirus, di cui 98 importati e 10 domestici tra i 7 dell'Heilongjiang e i 3 del Guangdong. I dati della Commissione sanitaria nazionale segnalano altri 2 decessi nell'Hubei, epicentro della pandemia. I casi importati sono 1.378, di cui 511 guariti, 867 in cura e 38 gravi. I casi totali di contagio sono 82.160, di cui 1.156 sotto trattamento, 77.663 guariti e 3.341 decessi. I nuovi asintomatici sono 61, per 1.064 casi totali, di cui 307 provenienti dall'estero e ancora in cura.

Dopo due settimane di lockdown totale, passato il drammatico picco dell'epidemia di coronavirus, la Spagna da oggi prova a ripartire. E riaprono, seppure fra rigidissime misure di igiene e sicurezza, alcune attività "non essenziali", come uffici, edilizia e industria.

Una ripartenza - ricorda il quotidiano El Pais - contestata da molti operatori sanitari e da parte delle forze politiche e amministrazioni territoriali, come ad esempio la Catalogna. Restano invece per ora chiusi scuole, cinema e teatri, ristoranti locali e bar. La riapertura parziale - stabilita con decreto del governo Sanchez del 29 marzo - prevede misure stringenti sui posti di lavoro: distanziamento, uso di disinfettanti e mascherine ecc., controlli nelle strade, la distribuzione gratuita di 10 milioni di mascherine sui mezzi pubblici a chi non può andare al lavoro sui mezzi privati e la pubblicazione di un decalogo di comportamenti igienico-sanitari corretti.

Le autorità sanitarie dell'Ecuador sono in allarme per il forte aumento dei contagi e dei morti per coronavirus, giunti rispettivamente a 7.466 e 333 unità, con l'aggravante che, ha reso noto il ministro della Sanità, Juan Carlos Zevallos, esiste un numero aggiuntivo di 384 morti, "probabilmente" per coronavirus.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook