Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Filippine travolte dal tifone Goni, 10 i morti: intere aree sono rimaste isolate
BILANCIO PROVVISORIO

Filippine travolte dal tifone Goni, 10 i morti: intere
aree sono rimaste isolate

filippine, tifone, Sicilia, Mondo

Morte e devastazione nelle Filippine per l’arrivo del ciclone Goni, il più potente dal 2013, che ha provocato finora almeno 10 morti, tra i quali un bambino. Ma si tratta di un bilancio purtroppo solo provvisorio perché intere aree sono rimaste isolate, impossibili da raggiungere per i mezzi di soccorso.

Goni ha toccato terra prima dell’alba sull'isola di Catanduanes con venti a 225 chilometri orari e raffiche che hanno raggiunto i 320 scoperchiando i tetti delle case, abbattendo alberi e distruggendo linee elettriche. Le piogge torrenziali hanno provocato frane che hanno inghiottito interi isolati e le strade sono state trasformate in torrenti. I contatti sono stati persi completamente con la città di Virac, a Catanduanes, dove vivono 70 mila persone.

Le autorità parlano di condizioni «catastrofiche» in molte regioni. Le persone evacuate sono quasi 400 mila, ha detto il capo della Protezione civile Ricardo Jalad. Il presidente Rodrigo Duterte, ha riferito il suo portavoce Harry Roque, sta monitorando la risposta del governo al disastro dalla sua città natale di Davao, nel sud del Paese. Inizialmente classificato nella categoria dei «super tifoni», Goni ha devastato la regione di Albay, nel sud-est dell’isola di Luçon, dove più di 300 case sono state sepolte sotto rocce vulcaniche e colate di fango dal vulcano Mayon.

Non è stato finora possibile fare una stima di quanti siano stati sepolti vivi all’interno delle abitazioni. Poi è stato declassato a violenta tempesta tropicale mentre procedeva verso l’isola della capitale Manila e poi alla volta del Mar Cinese Meridionale.  A Manila comunque, per precauzione, sono state evacuate alcune bidonville situate nelle zone più elevate e l’aeroporto internazionale Ninoy Aquino è stato chiuso, decine i voli cancellati. Migliaia di militari sono stati posti in stato d’allerta per aiutare le evacuazioni, rese più difficili dalla pandemia di coronavirus.

Le scuole, chiuse per contenere la diffusione del virus, sono utilizzate come rifugi, come pure le palestre. E sono stati evacuati anche i pazienti affetti da Covid che erano in isolamento in tendopoli appositamente allestite e ora spazzate via dal vento. Le risorse finanziarie e logistiche destinate alle emergenze sono state in gran parte assorbite dalla pandemia creando un problema ulteriore.

Ufficialmente nelle Filippine i casi recensiti sono oltre 380 mila e più di 7.200 i decessi ma i dati reali sono probabilmente molto più alti. Goni è uno dei cicloni più forti che hanno colpito il Paese dal 2013, quando il ciclone Haiyan provocò più di 6.300 morti. Intanto l’ufficio meteorologico ha avvertito dell’arrivo di un altro ciclone, Atsani, per ora classificato come tempesta tropicale, ma che potrebbe prendere forza.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook