Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Coronavirus, la nuova "Indipendenza" degli Usa. Biden: "Il 4 luglio ritorno alla normalità"
CORONAVIRUS

Coronavirus, la nuova "Indipendenza" degli Usa. Biden: "Il 4 luglio ritorno alla normalità"

Il neo presidente ha annunciato che entro maggio tutti gli americani saranno dichiarati vaccinabili: "Celebreremo non solo il giorno dell'Indipendenza ma anche l'indipendenza dal virus"
4 luglio, coronavirus, indipendenza, usa, Joe Biden, Sicilia, Mondo
epa09068972 US President Joe Biden delivers a nationally televised address to the nation on the one-year anniversary of the COVID-19 pandemic shutdown in the East Room of the White House in Washington, DC, USA, 11 March 2021. EPA/Chris Kleponis / POOL
"Tutti gli americani saranno dichiarati vaccinabili entro il primo di maggio" e per il 4 luglio ci sara' un ritorno ad una quasi normalita', con la possibilita' di "piccoli gruppi" per fare il barbeque "celebrando non solo il giorno dell'Indipendenza ma anche l'indipendenza dal virus". Lo ha annunciato Joe Biden nel suo primo discorso alla nazione in prime time, ad un anno dall'inizio della pandemia.

Vaccini agli adulti entro maggio

Il presidente ha esordito criticato senza nominarlo Donald Trump per i silenzi e il negazionismo con cui tratto' il virus, prima di ricordare le quasi 530 mila vittime americane, "piu' di quelle della prima e seconda guerra mondiale, del conflitto in Vietnam e dell'11 settembre messi insieme". Quindi, illustrando le prossime fasi della battaglia contro il coronavirus, ha spalancato le porte del vaccino per tutti gli adulti, chiedendo l'abolizione delle priorita' di eta' e categoria: "Ordinero' agli Stati, ai territori e alle tribu' di rendere candidabili per il vaccino tutti gli americani adulti entro il primo maggio", ha detto, anche se questo non significa che tutti riceveranno l'inoculazione.

Obiettivo: 100 milioni di vaccinazioni nei primi 60 giorni dell'era Biden

Ma Biden conta di aver dosi per tutti entro fine maggio e di tagliare il traguardo di 100 milioni di vaccinazioni nei suoi primi 60 giorni, con un anticipo di 40 giorni sul previsto. Il commander in chief ha anche annunciato il dispiegamento di altri 4.000 soldati per rafforzare la campagna vaccinale, portando il numero totale a 6.000. Per accelerarla prevede pure un raddoppio degli attuali siti di vaccinazione di massa (ora quasi 600), altri 700 centri sanitari per le comunita' poco servite e un aumento delle farmacie che partecipano al programma federale per la distribuzione delle fiale. Previsto inoltre l'impiego di dentisti, veterinari, studenti di medicina e altri operatori per eseguire le vaccinazioni. Il Governo federale aprira' un website il primo maggio per consentire agli americani di individuare dove sono disponibili i vaccini e mettera' a disposizione un numero verde per chi non ha accesso a internet.
Tutte misure, ha ricordato, rese possibili dal nuovo piano di aiuti Covid da 1900 miliardi di dollari approvato dal Congresso e che lui ha firmato ieri.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook