Mercoledì, 16 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Covid nato in laboratorio? Botta e risposta tra Fauci ed il governo cinese
CORONAVIRUS

Covid nato in laboratorio? Botta e risposta tra Fauci ed il governo cinese

Il principale infettivologo Usa, Anthony Fauci, ha chiesto alla Cina le cartelle cliniche di nove persone i cui disturbi potrebbero essere una prova che il Covid-19 sia fuggito dal laboratorio di Wuhan. Lo riporta il Financial Times. «Vorrei vedere le cartelle cliniche delle persone che sino ammalate nel 2019. Si sono davvero ammalate e, in tal caso, di cosa si sono ammalate?», ha detto il medico riferendosi ai ricercatori di Wuhan. L’infettivologo ha ribadito più volte comunque, l’ultima ieri in un’intervista alla Cnn, di ritenere che il coronavirus sia stato trasmesso all’uomo per la prima volta dagli animali.

L’origine del virus è un tema fortemente dibattuto

Le agenzie di intelligence Usa stanno esaminando i rapporti, secondo cui i ricercatori del laboratorio di virologia di Wuhan, epicentro della pandemia, si erano gravemente ammalati nel 2019, un mese prima della registrazione dei primi casi di Covid-19. Gli scienziati e le autorità cinesi hanno nettamente respinto l’ipotesi della 'fugà del virus dal laboratorio, sostenendo che poteva essere in circolazione in altre regioni prima di Wuhan e non escludendo il suo arrivo in Cina attraverso le importazioni di cibo congelato o dal commercio di animali selvatici.

Tre ricercatori del laboratorio di Wuhan ammalatisi nel novembre 2019

I dati clinici di cui parla Fauci riguardano tre ricercatori del laboratorio, ammalatisi nel novembre 2019, e sei minatori - di cui tre deceduti - che si erano ammalati, dopo aver visitato una caverna di pipistrelli nel 2012. Gli scienziati del Wuhan Institute of Virology hanno poi visitato quella caverna per prelevare campioni.

Shi Zhengli, esperto di punta sui coronavirus al laboratorio di Wuhan, ha negato l’esistenza di contagi nella struttura di ricerca, una posizione che Fauci non ha messo in dubbio ma ha che ha invitato a indagare ulteriormente. «Cosa dicono le cartelle cliniche di queste persone?», si chiede il virologo americano, «erano portatori del virus? E’ del tutto plausibile che l’origine del Sars-Cov-2 sia nella caverna e che abbia iniziato a diffondersi in modo naturale oppure sia passato attraverso il laboratorio».

Il dipartimento di Stato, sottolinea il Financial Times, non ha fatto sapere se l’amministrazione Biden ha già chiesto alla Cina i dati clinici di cui parla Fauci. Il virologo, a capo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, ha ribadito di credere nell’ipotesi della trasmissione del virus all’uomo attraverso gli animali, facendo notare che anche nel caso si confermasse il contagio dei tre ricercatori del laboratorio di Wuhan, questi avrebbero comunque potuto contrarre il Covid-19 dalla popolazione in generale.

La risposta del governo cinese a Fauci: "Zero contagi in laboratorio Wuhan a fine 2019"

L’istituto di virologia di Wuhan "ha rilasciato una dichiarazione il 23 marzo in cui precisa che al 30 dicembre 2019 il laboratorio non era stato esposto al nuovo coronavirus». Così il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha commentato la richiesta del principale epidemiologo Usa Anthony Fauci sulle cartelle cliniche di nove
persone i cui disturbi potrebbero essere una prova che il Covid-19 sia fuggito dal laboratorio di Wuhan. «Speriamo che gli Usa adottino un atteggiamento scientifico e cooperativo come quello della Cina, invitando gli esperti dell’Oms a svolgere le ricerche sulla tracciabilità del virus».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook