Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Covid, in India bilancio dei morti dieci volte superiore rispetto ai dati ufficiali
CORONAVIRUS

Covid, in India bilancio dei morti dieci volte superiore rispetto ai dati ufficiali

In India, uno dei Paesi maggiormente colpito dalla pandemia di Covid-19, il numero effettivo di decessi sarebbe dieci volte superiore rispetto ai bilanci ufficiali finora diffusi: tra i 3,4 e i 4,7 milioni di morti non sarebbero stati registrati o comunicati dalle autorità.
Lo rivela uno studio realizzato dal Centro per lo sviluppo globale, con sede negli Stati Uniti, e dall’Università di Harvard che hanno incrociato tre fonti diverse per valutare con maggiore precisione il numero di vittime provocate dal nuovo coronavirus fino allo scorso 21 giugno.

Per arrivare al nuovo bilancio sono stati unificati i dati relativi ai decessi registrati nei 7 Stati più popolosi dell’India, quelli dei tassi di infezione stimati per ogni fascia di età a livello mondiale e i registri di denuncia di morte da parte dei famigliari delle vittime negli ultimi mesi.

Alla fine i ricercatori hanno stabilito che i decessi effettivi sono stati tra 3,4 e 4,7 milioni, pari a 10 volte il bilancio ufficiale dei morti da Covid, a quota 414 mila. Un dato superiore a quello già valutato dagli epidemiologi, secondo cui le vittime sono state tra 5 e 7 volte più numerose rispetto ai numeri governativi.
Alla luce di questo nuovo bilancio, gli studiosi hanno sottolineato che andrebbe rivisto al rialzo anche il tasso medio di decessi da Covid-19 pro capite: finora le autorità indiane lo hanno stimato a 0.3, quindi molto basso, soprattutto se messo a confronto con quello di Gran Bretagna, Stati Uniti e Brasile, a quota 2, dove invece i tassi di infezione sono stati inferiori. «Ciò dimostra che l’India non è stata e non è un’eccezione quando si tratta di mortalità da Covid. Ha registrato livelli simili a quelli di Paesi con le stesse dimensioni e lo stesso tasso di infezione» ha sottolineato Arvind Subramanian, uno degli autori del nuovo rapporto. In India finora i contagi sono stati almeno 31,2 milioni su una popolazione di 1,366 miliardi. «Tuttavia non tutti questi decessi sono stati causati direttamente dal Covid-19 e ora sarebbe difficile fare una stima del bilancio delle vittime effettive della malattia» ha, però, precisato Subramanian, ex capo consigliere economico dell’India.

Nelle ultime settimane governi statali e amministrazioni locali in tutta l’India sono stati accusati di aver sottostimato intenzionalmente i decessi da Covid-19, mentre lo stigma legato al virus ha anche impedito a molte persone di sottoporsi al test, quindi anche molti decessi non sono stati registrati come tali. A seguito della pressione pubblica e delle richieste di responsabilità, diversi Stati indiani hanno recentemente rivisto i dati sulla mortalità per Covid-19, portando a un forte aumento i bilanci ufficiali delle vittime. Per studiosi e comunità scientifica, conoscere la vera entità delle vittime è cruciale per arrivare ad una migliore diagnosi dell’impatto del Covid e per trovare soluzioni più efficaci alla pandemia.

Oltre un milione nel mondo gli orfani a causa di Covid-19

Oltre un milione di bambini nel mondo ha perso almeno un genitore a causa del Covid, e un totale di oltre 1,5 milione di bimbi ha perso una figura primaria di accudimento, che sia esso un genitore, un nonno o un altro parente convivente da cui i piccoli erano accuditi abitualmente. Sono le stime frutto di un complesso studio internazionale pubblicato sulla rivista Lancet. Secondo uno degli autori del lavoro, Susan Hillis, dei Centers for Disease Control and Prevention in USA, «per ogni due decessi per COVID-19 nel mondo, c'è stato un bambino che ha visto morire almeno un genitore o una persona di riferimento importante». Le stime si basano su calcoli complessi, tenendo conto della mortalità in eccesso legata al Covid, dei tassi di fertilità di ciascun paese e dei morti accertati per Covid dall’1 marzo 2020 al 30 aprile 2021, in 21 paesi in cui complessivamente si conta il 77% di tutte le vittime della pandemia nel mondo.

Fino a fine aprile 2021, oltre 1,5 milioni di bambini sono stati 'vittimè inosservate dei 3 milioni di decessi per COVID-19 nel mondo, e questo numero è destinato a salire man mano che la pandemia prosegue. I bambini maggiormente funestati sono quelli del Perù, dove un piccolo su 100 ha perso almeno un genitore o una figura di riferimento primaria per un totale di 98.975 bambini; poi il Sud Africa (5 bambini per 1.000, per un totale di 94.625 piccoli), poi il Messico (3 bambini per 1.000, per un totale di 141.132), seguito dal Brasile (2 bambini per 1.000, per un totale di 130.363) e dalla Colombia (2 bambini per 1.000, per un totale di 33.293). In Aprile 2021, in India, i ricercatori hanno stimato un aumento di 8,5 volte del numero dei nuovi orfani (43.139) rispetto a marzo 2020 (5.091). Un bambino che perda un genitore o comunque una figura importante di accudimento dovrà far fronte per tutta la vita a disagi economici, sociali, e la perdita influenzerà a lungo termine anche la sua salute psicofisica, concludono gli autori del lavoro; è importante quindi aiutare prima possibile questi nuovi orfani del Covid.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook