Mercoledì, 28 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Covid: casi triplicati negli Usa, ospedali sotto pressione. Troppi non vaccinati
CORONAVIRUS

Covid: casi triplicati negli Usa, ospedali sotto pressione. Troppi non vaccinati

Nelle ultime due settimane i casi di Covid-19 negli Stati Uniti sono triplicati, a causa dell’alto numero di non vaccinati. L’emergenza sta mettendo di nuovo in crisi il sistema ospedaliero. Medici e infermieri sono esausti davanti all’impennata dei ricoveri.
«Il nostro personale vive questa nuova situazione con frustrazione», spiega Chad Neilsen, direttore dell’Uf Health di Jackson, Università della Florida, un ospedale che ha dovuto cancellare una serie di interventi chirurgici fissati da tempo a causa dell’aumento dei contagi tra gli studenti che frequentano il campus.

I casi giornalieri in tutti gli Stati Uniti sono passati dai 13.700 registrati il 6 luglio agli oltre 37 mila di ieri. L’aumento, rispetto a due settimane fa, è del 195 per cento. A incidere sono quegli Stati con meno vaccinati. Uno di questi è il Montana: a Cole l’aumento dei contagiati è stato del 446 per cento. A New York, dove i nuovi casi registrano una crescita del 214 per cento, il personale medico degli ospedali pubblici dovrà essere vaccinato o sottoposto, ogni settimana, a tampone.
Nella Grande Mela il numero giornaliero dei vaccini è crollato: adesso la media è di 18 mila, mentre ad aprile era di centomila. In totale, secondo i dati aggiornati della Johns Hopkins University, i casi totali dall’inizio della pandemia hanno superato i 34 milioni e i morti sono 609.762.

Gimbe, in Italia raddoppiati i casi settimanali: +115%

La settimana 14-20 luglio 2021, rispetto alla precedente, mostra un incremento del 115,7% di nuovi casi di infezione da Sars-Cov-2, ovvero 19.390 rispetto a 8.989. Questa «impennata di nuovi casi va di pari passo a un’inversione di tendenza sul fronte ospedaliero": i ricoveri con sintomi sono stati 1.194 rispetto a 1.128, pari a +5,9, e le terapie intensive 165 rispetto a 157, pari a +5,1%. È quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe che vede anche crescere, dopo mesi di decremento i casi attualmente positivi (49.310 rispetto a 40.649) mentre sono ancora in calo i decessi (76 rispetto a 104, pari a -26,9%).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook