Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Francia: 75 under 18 colpiti da batterio in pizze surgelate Buitoni (non vendute in Italia)
ALIMENTI

Francia: 75 under 18 colpiti da batterio in pizze surgelate Buitoni (non vendute in Italia)

Decine di bambini colpiti, non confermato legame con 2 morti

Le autorità sanitarie francesi hanno confermato oggi l’esistenza di un legame fra alcune pizze surgelate della marca Buitoni (gruppo Nestlé) con diversi casi gravi nel paese di persone colpite dal batterio Escherichia coli. Le autorità francesi parlanto di decine di bambini malati e di due morti. In Francia c'è da fine febbraio una recrudescenza di casi di SHU (Sindromi emolitiche e uremiche) legate a una contaminazione da E-Coli. I casi provocano insufficienza renale e si manifestano nei bambini. Secondo Santé Publique France, i casi registrati sono 75 fra 1 e 18 anni di età. Due bambini sono morti, anche se il legame con il consumo della pizza surgelata non è confermato. Si tratta di pizze commercializzate in Francia con il marchio "Fraich’Up".

Il Comunicato di Buitoni Francia

"Buitoni è stata informata il 29 marzo dalla Direzione Generale Concorrenza, Consumo e Frodi (DGCCRF), che casi di infezione, alcuni gravi, potrebbero essere legati alla presenza di batteri E-coli nell'impasto della pizza surgelata Fraîch'Up ®.  Prima di tutto, vorremmo mostrare il nostro sostegno alle famiglie colpite. Questa situazione è tanto più intollerabile per noi come per i bambini. La qualità e la sicurezza dei nostri prodotti sono e rimarranno la nostra prima priorità. Inoltre rispetteremo le direttive delle autorità per capire cosa può essere successo e assumerci tutte le nostre responsabilità.

Appena il 17 marzo siamo stati avvisati di un possibile collegamento con un nostro prodotto, abbiamo subito deciso di ritirare tutte le pizze Fraîch'Up® in vendita, interrotto tutte le consegne e sospeso la produzione. Contestualmente è stato istituito un numero verde (0 800 22 32 42) e i nostri distributori e consumatori sono stati informati delle misure da adottare per prevenire il consumo di queste pizze. Rinnoviamo a tutti i nostri consumatori la richiesta di non consumare le pizze Fraîch'Up che sono ancora in loro possesso e di buttarle via.

Ad oggi la fonte dei batteri presenti nella pizza Fraîch'Up rimane indeterminata. Tutti i nostri team si stanno mobilitando per portare a termine la nostra ricerca e le autorità stanno continuando i test e i campioni necessari per le loro indagini. Ci circondiamo di tutti gli esperti necessari, interni ed esterni. Ci avvaliamo anche di un ufficiale giudiziario per certificare il buon funzionamento e la trasparenza delle nostre azioni. La produzione non riprenderà fino a quando non saranno state identificate le cause di tale contaminazione in modo da poter adottare le misure correttive necessarie".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook