Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Cosa significa Nato e quali sono i Paesi membri
RISPOSTE

Cosa significa Nato e quali sono i Paesi membri

Cosa significa Nato?  NATO è l'acronimo di North Atlantic Treaty Organization (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico).

Cosa significa Nato?  NATO è l'acronimo di North Atlantic Treaty Organization (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico). Si tratta di un’organizzazione internazionale a carattere regionale fondata dal Trattato del Nord Atlantico, firmato a Washington il 4 aprile 1949 da 10 Stati europei (Belgio, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito,) e due Stati nordamericani (Canada e Stati Uniti).

Alleanza politica e militare

Scopo della NATO è garantire la libertà e la sicurezza dei Paesi membri attraverso mezzi politici e militari.

POLITICA - La NATO promuove i valori democratici e consente ai membri di consultarsi e collaborare in materia di difesa e sicurezza per risolvere i problemi, creare fiducia e, nel lungo termine, prevenire i conflitti.

MILITARE - La NATO si impegna a risolvere pacificamente le controversie. In caso di fallimento degli sforzi diplomatici, ha il potere militare di intraprendere operazioni di gestione delle crisi. Tali operazioni devono essere condotte in base alla clausola di difesa collettiva presente nel trattato fondativo della NATO - Articolo 5 del Trattato di Washington o dietro mandato delle Nazioni Unite, da soli o in collaborazione con altre organizzazioni internazionali.

ATTUALMENTE CI SONO 30 PAESI MEMBRI

  • * ALBANIA (2009)
  • * BELGIO (1949)
  • * BULGARIA (2004)
  • * CANADA (1949)
  • * CROAZIA (2009)
  • * DANIMARCA (1949)
  • * ESTONIA (2004)
  • * FRANCIA (1949)
  • * GERMANIA (1955)
  • * GRECIA (1952)
  • * ISLANDA (1949)
  • * ITALIA (1949)
  • * LETTONIA (2004)
  • * LITUANIA (2004)
  • * LUSSEMBURGO (1949)
  • * MACEDONIA DEL NORD (2020)
  • * MONTENEGRO (2017)
  • * NORVEGIA (1949)
  • * PAESI BASSI (1949)
  • * POLONIA (1999)
  • * PORTOGALLO (1949)
    * REGNO UNITO (1949)
    * REPUBBLICA CECA (1999)
    * ROMANIA (2004)
    * SLOVACCHIA (2004)
    * SLOVENIA (2004)
    * SPAGNA (1982)
    * STATI UNITI (1949)
    * TURCHIA (1952)
    * UNGHERIA (1999)

Struttura militare

L'organizzazione militare della NATO è articolata in vari comandi con sedi nei diversi paesi membri. Al vertice è costituita da:

  • * Comitato militare (NMC) con sede a Bruxelles in Belgio.

È guidato da un presidente (un ufficiale generale) ed è formato dai rappresentanti militari dei Paesi membri e ha il compito di decidere le linee strategiche di politica militare della NATO. Provvede inoltre alla guida dei comandanti strategici, i cui rappresentanti partecipano alle sedute del Comitato, ed è responsabile per la conduzione degli affari militari dell'Alleanza. Il rappresentante militare è l'altra figura rilevante della delegazione permanente dei Paesi membri presso la NATO ed è un ufficiale con il grado di generale di corpo d'armata o corrispondente che proviene dalle forze armate di ciascun paese membro.

Dal Military Committee dipendono:

  • * Stato maggiore militare internazionale (IMS), responsabile dell'amministrazione degli enti militari;
    * Comando alleato della trasformazione (ACT) con sede a Norfolk negli Stati Uniti, responsabile della redazione delle strategie future e dell'elaborazione della dottrina operativa, logistica e addestrativa NATO;
    * Comando alleato delle operazioni (ACO) con sede a Mons in Belgio, responsabile delle attività di comando sulle forze NATO impiegate in operazioni, nonché in capo agli enti territoriali dislocati in Europa.

Difesa collettiva

La NATO è tenuta a seguire il principio secondo il quale un’aggressione a uno dei suoi membri equivale a un’aggressione a tutti. Si tratta del principio di difesa collettiva, presente nell’articolo 5 del Trattato di Washington.

Finora l’articolo 5 è stato invocato solo una volta, nel 2001, in occasione degli attacchi terroristici dell’11 settembre negli Stati Uniti.

Missioni

Le missioni più impegnative che hanno visto partecipe la NATO sono state in tutto 5 in due teatri principali: i Balcani e l’Afghanistan.

  • * Implementation Force (IFOR) in Bosnia ed Erzegovina dal 20 dicembre 1995 al 20 dicembre 1996.
    * Stabilisation Force (SFOR) in Bosnia ed Erzegovina dal 21 dicembre 1996 al 1º dicembre 2004.
    * Kosovo Force (KFOR) in Kosovo dal 12 giugno 1999.
    * International Security Assistance Force (ISAF) in Afghanistan dal 20 dicembre 2001 al 28 dicembre 2014.
    * Sostegno Risoluto (RS) in Afghanistan dal 1º gennaio 2015 al 12 luglio 2021.
    * Intervento militare internazionale in Libia del 2011

Il legame transatlantico

La NATO è un’alleanza fra Paesi dell’Europa e dell’America del Nord. Rappresenta un legame unico fra questi due continenti che possono così consultarsi e collaborare in materia di difesa e di sicurezza e condurre insieme operazioni multinazionali di gestione delle crisi.

Decisioni e consultazioni

Ogni giorno, i Paesi membri della NATO si consultano e prendono decisioni in materia di sicurezza a tutti i livelli e in diversi campi.

Una “decisione NATO” è espressione della volontà collettiva di tutti i 30 Paesi membri poiché tutte le decisioni vengono prese all’unanimità.

Centinaia di ufficiali, ma anche civili ed esperti militari, vengono ogni giorno nei quartieri generali della NATO per scambiarsi informazioni, condividere idee e aiutare a preparare le decisioni quando è necessario, in collaborazione con le delegazioni nazionali e lo staff dei quartieri generali NATO.

Il concetto strategico 2010

Il Concetto Strategico stabilisce i compiti fondamentali e i principi dell’Alleanza, i suoi valori, le condizioni di sicurezza in evoluzione e i suoi obiettivi strategici per la decade successiva. Il Concetto Strategico 2010 stabilisce i seguenti compiti fondamentali della NATO: difesa collettiva, gestione delle crisi e sicurezza cooperativa.

Partenariati

40 Paesi non membri lavorano con la NATO a un’ampia gamma di questioni politiche e legate alla sicurezza. Tali Paesi perseguono il dialogo e la cooperazione pratica con l’Alleanza e molti di loro partecipano alle operazioni e missioni guidate dalla NATO. La NATO collabora anche con una vasta rete di organizzazioni internazionali.

I Paesi partner non hanno la stessa autorità decisionale dei Paesi membri

Segretario generale della NATO

Il Segretario generale della NATO è un alto ufficiale diplomatico che rappresenta l'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord a livello internazionale. È nominato dai governi membri per un periodo di quattro anni, che può essere prorogato di comune accordo. Presiede il Consiglio (North Atlantic Council) e a lui riferisce il Presidente del Comitato militare, responsabile del Comitato militare dell'Organizzazione. È affiancato dal Vicesegretario generale (Deputy Secretary General, NATO DSG).

Il primo segretario generale, nominato nel 1952, è stato Hastings Lionel Ismay. Dall'ottobre 2014, ricopre la carica di segretario generale l'ex Primo ministro norvegese Jens Stoltenberg.

Allargamento della NATO

Può diventare membro della NATO “qualsiasi altro Stato europeo in condizione di soddisfare i principi di questo trattato e di contribuire alla sicurezza dell'area nord-atlantica”.

La NATO ha anche un cosiddetto Piano d’azione per l’adesione. Tale piano aiuta gli aspiranti membri a prepararsi all’adesione e a soddisfare i requisiti chiave fornendo loro consigli pratici e assistenza mirata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook